Archivi tag: Pranzo

SECONDI: Involtino di coniglio

SENZA: PROTEINE DEL LATTE, DELL’UOVO, DELLA SOIA, CARNE DI MANZO E VITELLO, SOLFITI 

“Cosa si mangia oggi mamma?” | “Una cosa che a te piace moltissimo” | “pollo arrosto!” | “No… involtini di coniglio!” | “Yeeeeeee”

Sebbene io tenda a limitare il consumo di carne in famiglia (tanto per mia figlia, ci pensa abbondantemente la mensa scolastica a non farlgliela mancare…), di tanto in tanto la cucino con grande soddisfazione di quei due… padre & figlia :)

E gli involtini di coniglio sono una garanzia di successo.

Involtino di coniglio secondo Alice

Quelli nella foto sono stati preparati a crudo dal pollivendolo da cui mi rifornisco abitualmente, e cucinati da me, ma nulla toglie che possiate preparare l’involtino anche voi, molto semplicemente, perché è sufficiente procurarsi del filetto di coniglio, arrotolarlo e avvolgerlo con pancetta (senza gli allergeni del caso). Io non ho usato né vino, né marsala, né burro, né latte… ed il risultato è esaltante, comunque! Continua a leggere

Annunci

4 commenti

Archiviato in MENÙ A BASE DI CARNE, RICETTARIO, Secondi SENZA

RIFATTE SENZA GLUTINE: Le crespelle ai funghi

RIFATTE SENZA GLUTINE

Un’idea di Vale, autrice del Blog incucinasenzaglutine

e supportata dalle altre fondatrici di questa brillante iniziativa:

La gaia celiaca ❀ Un cuore di farina senza glutine ❀ Una celiaca in cucina  ❀ Cardamomo & Co. ❀ Senza glutine per tutti i gusti ❀ Ai fornelli con la celiachia ❀ Fabipasticcio – Di tutto, di più… ma senza glutine ❀ Il ricettario di Anna ❀ Una cucina tutta per sé ❀ La celiaca pasticciona ❀ Spunti e spuntini senza glutine ❀ Un castello in giardino ❀ La cassata celiaca ❀ Pane e miele (spero di non aver dimenticato nessuno…)

Le crespelle coi funghi a modo nostro

SENZA PROTEINE DEL LATTE, DELL’UOVO, GLUTINE, SOIA, ADDITIVI, FRUTTA A GUSCIO

Oggi vi propongo le Crespelle ai funghi senza glutine di Francesca, e senza latte, uova, formaggio… a modo nostro:) E allora con cosa, vi chiederete voi 🙂 Ora lo scoprirete.

Ci eravamo lasciati con i fusilli ai calamari senza glutine, con la promessa di rivederci il 15 di ogni mese ed eccomi quindi con le crespelle ai funghi di Francesca! Colgo l’occasione per ringraziare le ragazze Gluten Free per avermi accolta nel gruppo, e in particolar modo Francesca per avermi dato una spintarella a rompere il ghiaccio… Sì perché io non ho mai cucinato le crespelle (e crepe) in vita mia, sia perché non è un piatto di casa, sia perché ho sempre pensato fossero troppo difficili, sebbene abbia sempre visto farle a casa di una cara amica che le preparava senza batter ciglio. Lei aveva la padella per le crepe che non ho mai voluto comprare, ma che, dopo questo esperimento, credo proprio mi procurerò, perché col fatto di poterle preparare il giorno prima, e addirittura di poterle surgelare, potrei diventare una fan delle crespelle! E mi sbizzarrirei con le farce…

Domenica sera scorsa, io e Alice eravamo sole a casa e avevamo un po’ di tempo a disposizione:

Mamma… cosa si mangia questa sera?! | Tesoro non lo so. Come mamma?! Non puoi non saperlo!!  | E se facessimo le crepes? Come quelle che fa Gloria? | Più o meno, noi le faremmo “salate” e se vengono bene, le prepara riamo anche per il nostro papà quando torna dal suo viaggio di lavoro! Sì! Bella idea mamma! Ma… come le condiamo? | Besciamella e funghi… Nooooooooo oppure Sìììììììììììììì non so se mi piaceranno, ma se vengono bene, le prepariamo anche per papà! (preparati papi…)

Non è propriamente un piatto veloce, quindi scegliete un giorno in cui avete tempo, ma si presta per essere preparato anche il giorno prima e riscaldato al momento in forno.

Naturalmente le nostre crespelle sono molto diverse da quelle preparate da Francesca che spero non ce ne vorrà, ma come voi sapete Alice è allergica a latte e derivati, uova, grano saraceno, lenticchie, fave, piselli, manzo e vitello in fase di verifica. Non solo, era domenica e non avevo previsto di fare le crespelle… quindi mi sono arrangiata con gli ingredienti che avevo in casa…

Non pensate di poterle paragonare con le crespelle tradizionali, grondanti di formaggio grana… Il risultato è stato comunque molto, molto apprezzabile, e detto dalla mia piccola Alice, è una gran soddisfazione.

Questa volta ho veramente fatto il possibile per limitare al minimo gli ingredienti = allergeni, per permettere al maggior numero di persone di provarle, ma va da sé che la differenza la fa la farcia e non il composto della crespella, quindi ad ognuno il suo ripieno: oggi besciamella vegetale (base) e funghi, la prossima volta vedremo…

Fatta questa premessa, passiamo direttamente ai fornelli.

ATTREZZI

Un recipiente alto ✣ una frusta ✣ una pentola antiaderente oppure una padella per le crepe ✣ setaccio per la farina ✣ un mestolo piccolo ✣ una spatola tonda

INGREDIENTI per sei / 7 crespelle

La Ricetta di Francesca prevederebbe:

per le crespelle: 250 ml latte, 1 noce di burro, 125 g farina mix it, 2 uova, e per la farcia: 500 g champignon
200 g panna da cucina
6 fette di prosciutto cotto
1 mozzarella

La nostra ricetta revisionata, invece, prevede:

per le crespelle: 280 ml bevanda di riso senza glutine ✡ 1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva ✡ 125 g di maizena senza glutine ✡ un pizzico di sale marino integrale fino ✡ un pizzico di noce moscata ✡ niente uova

per la farcia: 300 g funghi porcini surgelati ✡ besciamella vegetale quanto basta ✡ sale marino integrale fino q.b. ✡ quindi niente prosciutto (perché non l’avevamo, altrimenti verificate che sia senza latte e derivati), niente formaggio e niente panna.

per la besciamella: 500 ml brodo vegetale: in questo caso ho usato un cuore di finocchio, 1 carota, 2 cipolle, una foglia di alloro, sale marino integrale grosso q.b. ✡ 60 g di farina di riso senza glutine ✡ 3 cucchiai olio extravergine di oliva (oppure 60 g di margarina, ma qui assicuratevi in caso di allergia alla soia, che ne sia priva) ✡ sale marino integrale q.b. ✡ un pizzico di noce moscata

PREPARAZIONE (tra una cosa e l’altra quasi due ore, ma era la prima volta…)

  1. In un recipiente Alice ha versato il latte. Mentre lei faceva scendere la farina, io mescolavao con la frusta, alternandoci.

    Crespelle (Foto 1)

    Potete anche usare un colino o niente, ma i grumi… sono in agguato.

  2. Una volta raggiunto un composto omogeneo, Alice ha aggiunto un pizzico di sale e di noce moscate e l’olio e ha rimescolato il tutto con la frusta.(Foto 1)
  3. Abbiamo lasciato riposare una ventina di minuti come suggerito da Francesca.
  4. E nel frattempo io ho cucinato i funghi e preparato la besciamella.

    Crespelle (Foto 2)

  5. FUNGHI: in una padella antiaderente ho cotto i funghi, con un filo di olio evo, prezzemolo tritato e un pizzico di sale. (Foto 2)
  6. BESCIAMELLA vegetale: in un pentolino alto ho versato l’olio extravergine di oliva e la farina con il setaccio, mescolando con la frusta, cuocendo a fuoco lento. Ho spento e ho aggiunto il brodo a filo, mescolando continuamente, fino ad ottenere un composto liscio. Ho aggiunto sale e noce moscata e ho riacceso il fuoco, lasciando cuocere per 10 minuti circa.
  7. Poi siamo passati alle crepe. Un mestolo= 1 crepe (come dice Francesca, non esagerate con le dosi, per assicurarvi che risultino sottili). Ho versato il primo mestolo e ho roteato la pentola perché il composto si stendesse. (Foto 3)

    Crespelle (Foto 3)

  8. Ho aspettato qualche minuto e poi con l’aiuto di una spatola ho girato la crepe sull’altro lato. Alice NON ha voluto fare la crema di funghi! Non c’è stato verso, quindi Francesca scusaci se abbiamo divagato…
  9. Alice ha quindi farcito ciascuna crepe adagiando un bel cucchiaio colmo di besciamella e un cucchiaio scarso di funghi. (Foto 4)

    Crespelle (Foto 4)

  10. Ha ripiegato in due formando una mezza luna e le ha poste in una pirofila da forno, ricoperte di abbondante besciamella*.
  11. Abbiamo messo tutto in forno caldo a 180 gradi per 15 minuti.

*Chi tollera i pinoli, aggiunga due cucchiai abbondanti a cottura ultimata, aggiungendo ancora due cucchiai di brodo, le conferiscono un sapore tutto particolare… 

Alice si è leccata i baffi… ma poi ha aggiunto:”Le rifacciamo senza i funghi?!?”.

Credo proprio che per la cena di Natale dai nonni… noi porteremo le crespelle… non so ancora farcite come, ma vi farò sapere…

Buona giornata e a domani con il venerdì del libro di paola e con un libro speciale con tanto di intervista all’autore 🙂

E se volete vedere le altre crespelle, cliccate qui!

30 commenti

Archiviato in MENÙ VEGETARIANO, Primi SENZA, Rifatte senza glutine

Fagioli cannellini, tonno, mais per un pranzo veloce!

Cannellini in insalata con tonno e mais

SENZA: PROTEINE DEL LATTE, DELL’UOVO, SOIA, GLUTINE

CON: LEGUMI, NICHEL

Da sabato scorso siamo in barca, a vela, quindi gli spazi in cucina sono molto, molto, molto ridotti , e visto che anche le temperature sono salite, i pasti si adeguano:)

La preparazione del pranzo diventa quindi non veloce, bensì rapidissima, senza rinunciare ad un pasto gustoso e nutriente. Sano… dipende. In questi giorni ho deciso di non ossessionare la famiglia con una alimentazione salutista, e di affidarmi saltuariamente ai prodotti confezionati, tipo fagioli, tonno o sgombro al naturale, mais, cogliendo l’occasione per ricordare a nostra figlia non solo come leggere le etichette a caccia degli allergeni incriminati, ma anche di quegli ingredienti indesiderati e inutili. Un esempio? I fagioli precotti in scatola o in cartone spesso presentano anche antiossidanti superflui o conservanti, mentre molte confezioni indicano solo: fagili, acqua, sale. Essendo però i fagioli borlotti di stagione, a voi la scelta se preferire quelli confezionati o cuocerli voi.

La proposta di oggi mi è tornata utile sabato, perché avevamo ospiti in barca, non allergici, ma che hanno comunque gradito: fagioli cannellini, tonno e mais conditi con olio extravergine di oliva, a discrezione sale alle erbe e qualche foglia di basilico fresco.

Verdure fresche di stagione in pinzimonio, pane tollerato, frutta fresca a profusione e il pranzo è servito!

Lascia un commento

Archiviato in MENÙ A BASE DI PESCE, RICETTARIO

Bruschetta con i cannellini

SENZA: PROTEINE DEL LATTE, DELL’UOVO, SOIA, GLUTINE, ADDITIVI

CON: LEGUMI, NICHEL

Bruschetta vegetariana!

Della serie:”E oggi, cosa cucino?!?” Semplice, non cucino! Ci sono giorni in cui, se fosse per me, mangerei un’insalata mista e sarei al settimo cielo, ma la creatura no. La bruschetta nella foto è stata concepita in un giorno caldo di giugno al lago, in cui non avevo proprio voglia di stare in cucina e Alice non aveva tutta questa fame, ma il senso del dovere mi diceva che dovevo escogitare qualcosa di sfizioso e nutriente allo stesso tempo, magari fatto da lei:) Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Antipasti SENZA, MENÙ VEGETARIANO, RICETTARIO

Torta salata con le zucchine

Torta salata alle zucchine

SENZA: PROTEINE DEL LATTE, DELL’UOVO

CON O SENZA GLUTINE, CON O SENZA LIEVITO 

CON: SOIA

Stagione che vai, ortaggi che trovi. In estate abbondano le zucchine (verdi, chiare, trombetta ecc.), quindi anche la nostra torta salata già postata qui e qui si adegua, non solo, per arricchirla di sapore, alla ricetta originale da qualche mese aggiungiamo anche il lievito alimentare in fiocchi.

La torta salata è il nostro piatto forte in estate, quando andiamo in spiaggia e vogliamo un piatto unico ma leggero, soprattutto la sottoscritta che desidera che la pargoletta mangi carboidrati, verdura e proteine, possibilmente vegetali! Della serie “tutto in uno”!

E con l’occasione partecipo per la prima volta, e forse unica, ad un contest (che ho scoperto grazie a Gaia), perché mi piaceva l’idea:

Potevamo noi mancare a Una Gita Senza Formaggio? È come un invito a nozze! Il Contest è stato lanciato da Pan Per Focaccia in collaborazione con Le Creuset.

Spero anche che questa ricetta restituisca un po’ di normalità a chi il formaggio proprio non può nemmeno toccarlo, sebbene io stia raccogliendo sempre più conferme in ambito medico che bisogna sfatare il mito del formaggio = calcio buono per l’organismo, anzi, ma questo è un argomento delicato che merita uno spazio a parte.

Passiamo dunque alla ricetta:

ATTREZZI

un recipiente alto ❋ una forchetta ❋  un mixer  ❋ una pirofila ❋ carta da forno

INGREDIENTI

400 gr di zucchine ❉ 250 di tofu di soia (bio) ❉ sale marino integrale fino ❉ un rotolo di pasta (sfoglia, brisè, di pane consentita) per torte salate già pronta e consentita * oppure 1 panetto di pasta frolla salata ❉ 2 cucchiai di lievito naturale in fiocchi e un pizzico di noce moscata se consentiti ❉ 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva 1 cucchiaio di acqua (le zucchine rilasceranno acqua)

*senza plv e senza uovo (attenzione molte versioni  brisè in commercio contengono burro).

PREPARAZIONE

  1. Preparare la soluzione: versare nella tazza l’acqua e l’olio, il sale e la noce moscata. Mescolare bene.
  2. Lavare e tagliare le zucchine a dadini e metterle nella pentola antiaderente.
  3. Versarvi la soluzione, coprire con un coperchio e lasciar stufare q.b.
  4. A cottura ultimata schiacciare la verdura con una forchetta e raccogliere in una tazza il “sughetto”.
  5. Tagliare il tofu a dadini e metterlo nell’omogeneizzatore.
  6. Omogeneizzare il tofu con un po’ di “sughetto” q.b.
  7. Passare nel mixer anche le zucchine e versarle in un recipiente alto.
  8. Aggiungere il tofu e mescolare il tutto. Se necessario aggiustare di sale.
  9. A questo punto incorporare anche il lievito alimentare.
  10. Stendere la carta da forno nella tortiera e disporvi la pasta.
  11. Farcire con l’impasto di tofu e verdura.
  12. Riporre in forno (preriscaldato a 250°) per 15′ circa a 180° circa.

Per un picnic o in spiaggia, consiglio di tagliarla già a fette e separarle tra loro con carta da forno, ma si presta anche per essere servita ad un aperitivo “rinforzato”.

1 Commento

Archiviato in Antipasti SENZA, RICETTARIO, Torte salate SENZA

PRIMI: Gnocchi di patate senza latte e senza uovo. Ricetta base.

SENZA: PROTEINE DEL LATTE, DELL’UOVO, DELLA SOIA, GLUTINE o altre PROTEINE DEL GRANO

Gli gnocchi di Alice

Quando mi (ci) prende la voglia di gnocchi, non ci rimane che rimboccarci le maniche e farli in casa, perché sia quelli confezionati, sia quelli “freschi” del panettiere o del negozio di pasta fresca contengono nella maggioranza dei casi proteine del latte e/o dell’uovo.

Continua a leggere

5 commenti

Archiviato in Primi SENZA, RICETTARIO

Oggi cucina lui! Pesce spada gratinato.

Pesce spada gratinato

SENZA: PROTEINE DEL LATTE, DELL’UOVO, GLUTINE, SENZA SOIA

CON PESCE

Lo so. Pesce spada, tonno e in generale tutti i pesci “grandi” accumulano più facilmente sostanze inquinanti di vario tipo e sarebbe quindi meglio non consumarli, soprattutto nell’infanzia. Bene. Questa è la teoria, perché nella pratica, la dietista pediatra (italiana) consultata quando nostra figlia aveva circa un anno, in considerazione del fatto che era (ed è ancora) un soggetto allergico, ci avevano fornito una lista di alimenti “meno allergizzanti” e “più nutrienti”, tra cui, alla voce pesce, comparivano solo tonno, pesce spada e salmone. Probabilmente se chiudessimo in una stanza dieci pediatri, dieci allergologi, dieci nutrizionisti, ecc. non arriveremmo ad un risultato unanime. Indi per cui, per me, vale sempre la regola secondo cui un’alimentazione il più variata possibile è la giusta via di mezzo.

Tornando al nostro pesce spada gratinato, era un sabato, io avevo zero voglia di cucinare, nostra figlia non aveva appetito perché nel fine settimana non siamo mattinieri e Alice si era mangiata una bella fetta di torta fatta in casa con una tazzona di latte di soia, quindi addio appetito… io ho passato il testimone!

Lo spada cucinato così è stato ovviamente un successone! Il gratin è ovviamente quello pensato per Alice dal suo papà per cucinare le capesante.

Giusto per vostra informazione, poiché ne era avanzato, lo abbiamo gustato il giorno dopo con la pasta a pranzo.

ATTREZZI

una pirofila di vetro e carta da forno

INGREDIENTI

fette di pesce spada fresco* tagliate non molto alte (50-100 g circa per bambino, a seconda dell’età e 180-200 g per ciascun adulto) ❉ pan grattato consentito ❉ olio extra vergine d’oliva ❉ 4 gambi di  finocchio ❉ prezzemolo e basilico freschi ❉ 6 capperi sotto sale ❉  7 olive verdi in salamoia (questa volta il papà ha aggiunto anche il timo) ❉  1 pezzetto di scorza di limone (bio)

PREPARAZIONE

  1. Lavare sotto l’acqua corrente le fette di pesce e le erbe aromatiche. Tamponate tutto per togliere l’acqua in eccesso.
  2. Disporre le fette di pesce vicine vicine nella teglia dove avrete steso la carta da forno.
  3. Sciacquare i capperi e le olive sotto l’acqua corrente.
  4. Metter nel mixer prima i gambi, le olive, i capperi, le erbe aromatiche, la scorza di limone e per ultimo il pan grattato.
  5. Tritare il tutto e aggiungere olio quanto basta per ottenere un composto piuttosto umido, ma non liquido.
  6. Cospargere le fette e infornare a 180° per 10 minuti circa.
  7. Servire accompagnato da patate lessate e condite con olio extra vergine d’oliva.

2 commenti

Archiviato in Secondi SENZA