Pesto di prezzemolo senza…

SENZA PROTEINE DEL LATTE VACCINO, DELL’UOVO, SENZA GLUTINE e ALTRE PROTEINE DEL GRANO, SENZA SOIA, CON FRUTTA A GUSCIO

Ci sono giorni in cui la nostra adorata figlioletta mostra zero interesse per il cibo. Anche di fronte ai suoi piatti preferiti storce il naso… e allora io mi ingegno… e faccio leva sulla sua curiosità per i cibi nuovi… Il “pesto” di prezzemolo è nato così. ` “Alice che ne diresti di una bella pasta al pesto?”, “Ma mammaaa, basta pasta al pesto…” “E riso al pesto?”, “Mamma, ho detto basta pesto!”, “Scusa! Non avevo capito… E che ne diresti di un risotto verde?”, “Verde con cosa?”, “Con il pesto di prezzemolo!”, “Pesto di prezzemolo?!? Ma non esiste!”, “Certo che esiste, basta farlo.”

Il prezzemolo, se consumato crudo, è un’ottima fonte di vitamina C, di ferro e di calcio. Nel caso di bambini atopici, meglio chiedere al vostro allergologo pediatra quando e come introdurre questa erba aromatica. Combinato con i pinoli (se tollerati) e l’olio extra vergine di oliva (se tollerato), è una salsa molto nutriente e visto che i bambini allergici alle proteine del latte e dell’uovo, e come se non bastasse, anche al glutine, avrebbero (ma non generalizziamo) difficoltà a raggiungere l’apporto calorico consigliato, questo è uno stratagemma utile. Rispetto alla tradizionale salsa verde, questa non prevede aceto, quindi solfiti, presenti quasi sempre in aceto o vino.

Questo “pesto” è ideale per condire riso, farro, orzo, minesrina in brodo, creme di verdura, ma anche pesce, uova sode (se tollerate), carne bianca, pesce (nasello, gallinella, cernia) bollito, tofu.

La ricetta? Eccola!

ATTEZZI

1 frullatore (di piccole dimensioni), un vasetto di vetro

INGREDIENTI

Un mazzetto di prezzemolo fresco, 40 gr di pinoli, olio extra vergine di oliva q.b. o altro olio vegetale tollerato, un pizzico di sale marino integrale, una scaglia “leggerissima” di aglio biologico, se tollerato

PREPARAZIONE

  1. Lavare le foglie di prezzemolo e scolarlo molto bene.
  2. Tagliare una scheggia di aglio (non è indispensabile), con un coltello di ceramica, se sono presenti allergie al nichel. In questo caso, dovrete sminuzzare TUTTI gli ingredienti col coltello, perché le lame del frullatore potrebbero rilasciare nichel… ma chiedete al vostro allergologo, sempre!
  3. Mettere nel frullatore il prezzemolo, i pinoli, il sale, la scheggia di aglio, e tanto olio (cominciate con 1+1/2 tazzina da caffè) quanto basta per ottenere un pesto “non pastoso”.
  4. Frullare bene fino ad ottenere un composto “liscio”.
  5. Usare questa salsa per condire al momento. Quello che avanza versatelo subito in un vasetto di vetro, coprite con l’olio extra vergine di oliva e chiudere ermeticamente (si conserva in frigo per due o tre giorni al massimo).
Annunci

10 commenti

Archiviato in Condimenti, salse, sughi SENZA, RICETTARIO

10 risposte a “Pesto di prezzemolo senza…

  1. Je'

    Ne sento gia’ il profumo…mmmmm!
    Complimenti x il tuo blog,molto utile x chi soffre di allergie,ma anche x chi,come me,ha la fortuna di poter mangiare di tutto.Ti seguo da poco ma sei gia’ nei preferiti!

    • GRAZIE! Effettivamente, essendo Alice l’unica allergica in famiglia, cerchiamo sempre di preparare ricette che soddisfino il palato di tutti, anche degli amici non allergici che ci vengono a trovare, piccoli e grandi. Il tuo commento è speciale per me perché è una conferma che queste ricette… funzionano! A presto:)

  2. consiglio: per questa ed altre salse a freddo, procurati un pestello (con ciotola) di marmo. non dovrebbe creare problemi di allergie e il pesto ha tutto un altro sapore, garantito!

    • Grazie Lanoisette, ma lo conosco bene e ne ho parlato anche nei post dedicati dedicati a pesto e gomasio, maaaa sono una mamma con poco tempo e fortunatamente Alice non è allergica al nichel, ma se lo fosse stata avrei usato il coltello di ceramica, perché nel mortaio non riesco a sminuzzare le foglie e la mia cara figlioletta non gradisce, affatto, i “pezzettini” come li chiama lei, deve essere una salsa omogenea o non si mangia… quindi… vado di omogeneizzatore o coltello di ceramica, quello dei giapponesi, che potrebbe tagliare anche il granito:-) a presto e grazie dei tuoi consigli, né tengo sempre conto:-)

  3. Giorgia

    Ciao sono Giorgia,
    il mio bambino non può prendere la frutta secca e quindi non potrò mettere i pinoli, che dici , verrà buono comunque?

    • assolutamente sì, io lo aggiungo solo per aggiungere nutrienti, visto che Alice è “magrolina” e non è una “mangiona”, ma è molto vivace e consuma molto. Se non ci sono intolleranze all’aglio, aggiungi una scaglia (non uno spicchio) di aglio: gli dà un saporino tutto particolare e rende meno “intenso” il sapore del prezzemolo. Ben tornata:-)

  4. mirko

    anche aggiungere il parmiggiano non farebbe male…

    • a chi è allergico però sì. Sono certa, Mirko, che il tuo commento è frutto di una svista, in quanto non ti sei accorto di essere entrato in un blog rivolto agli allergici, in particolar modo alle proteine del latte, quindi anche ai suoi derivati. Torna comunque a trovarci, qualora ti interessassero ricette “senza”:)

  5. Pingback: Polpette vegetali con i ceci, senza latte e derivati e uovo. | mimangiolallergia

  6. Pingback: PROTEINE VEGETALI: Tofu al naturale a modo mio | mimangiolallergia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...