Archivi tag: Reazioni anafilattoidi

Allergia al sesamo e allergeni in etichetta al di fuori dalla Comunità Europea.

Semi di sesamo by mimangiolallergiaSesame is not currently included in the list of major allergens that must be declared by food manufacturers as part of the Food Allergen Labeling Consumer Protection Act (FALCPA), although FARE supports the addition of sesame to the list of “major food allergens” that are required to be identified on ingredient labels of processed foods. 

Traduzione–> Il sesamo attualmente non è incluso nella lista degli allergeni che devono essere dichiarati in etichetta dall’industria alimentare come stabilito dalla Food Allergen Labeling Consumer Protection Act (FALCPA), sebbene FARE lo inserisca nella lista dei principali allergeni da ricercare in etichetta.

“Paese che vai, allergene che trovi… (o non trovi…) in etichetta” potremmo dire, perché in Europa, fortunatamente, la Commissione Europea la pensa diversamente al riguardo… Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Allergeni, ALLERGIE & ALLERGIE e INTOLLERANZE ALIMENTARI, Anafilassi, Shock Anafilattico, Reazioni allergiche, Etichette Ingredienti Tracce Soglie di Tolleranza, Mangiar fuori casa

ALLERGIE e VACCINI e ANAFILASSI

La gestione dell’emergenza vaccinale nell’ambulatorio del Pediatra di Famiglia è il titolo di un documento RIAIP a cura della Associazione Pediatri in Gruppo (ApeG), interessante, per 1) coloro che ancora non lo conoscono, 2) per il fatto che ribadisce nero su bianco alcuni concetti 3) per i genitori di figli atopici, ai quali non sono ancora state diagnosticate allergie varie, e decidono di far vaccinare il proprio figlio nell’ambulatorio del pediatra di famiglia, anziché c/o ASL o presidio ospedaliero. Personalmente, non sapevo che in Italia i pediatri potessero somministrare vaccini, pensavo fosse una prerogativa delle ASL locali, ma qualche mamma conosciuta di recente mi ha invece fatto scoprire una realtà diversa da quella che immaginavo. In Germania, in effetti è consuetudine (al momento in cui scrivo… le cose potrebbero cambiare, ma per ora è ancora così). Nostra figlia per esempio, ha ricevuto le prime vaccinazioni (esavalente) nell’ambulatorio della pediatra di base in Germania, ma la dose successiva, in Italia, in ospedale…  Continua a leggere

7 commenti

Archiviato in ALLERGIE & ALLERGIE e INTOLLERANZE ALIMENTARI, Anafilassi, Shock Anafilattico, Reazioni allergiche, Bambino Allergico a Scuola e i diritti dei bambini allergici, DERMATITE ATOPICA

Si sarebbe potuto evitare?

Le allergie alimentari sono per alcuni una scocciatura, per altri un disagio, per qualcuno può essere fatale. Il ragazzo di Foggia morto qualche giorno fa, la ragazzina di 12 anni morta la scorsa primavera, sono tra quegli sfortunati per i quali l’allergia alimentare si è rivelata fatale. Non dispongo di informazioni sufficienti per farmi un’opinione sui casi specifici, né tanto meno per esprimere giudizi, ma mi sorge spontanea una domanda: cosa si sarebbe potuto fare per evitare che ciò accadesse? Non ho una risposta, bensì mi sovvengono altre domande che mi pongo in qualità di mamma di una bambina allergica.

Per oggi avevo in programma una ricetta, ma la notizia di quella morte, che forse si sarebbe potuta evitare o forse no, mi ha turbata, perché ci riguarda da vicino. Alice è allergica a diversi alimenti. Ad alcuni in modo particolare (proteine del latte e dell’uovo). In passato ha avuto una reazione allergica che ci ha spaventati: edema della glottide e angiodema del volto, in seguito all’ingestione di tre cucchianini di yogurt di capra, che aveva già assunto senza problemi. I sintomi sono fortunatamente rientrati dopo la somministrazione di un antistaminico liquido. Questa non è la sede per entrare nel merito dei fatti, ma mi limito a dirvi che da allora non giriamo né con iniezione di adrenalina, né di cortisone. Non siamo degli irresponsabili, ma i medici consultati allora non lo hanno ritenuto necessario. Dopo gli episodi di quest’anno, cominciano a sorgermi dei dubbi.

Chi ha un figlio allergico sa di cosa sto parlando, o forse no, per cui riporto di seguito una definizione che tra le altre mi sembra più chiarificatoria: “L’anafilassi è una reazione allergica sistemica severa. Non esiste una definizione universalmente accettata perché l’anafilassi comprende un vasto corollario di caratteristiche. Una buona definizione è quella del Canadian Pediatric Surveillance Program (4), secondo cui l’anafilassi è “una reazione allergica severa, con esordio improvviso e risoluzione in meno di 24 h, che coinvolge uno o più apparati ed è caratterizzata da uno o più segni e sintomi quali orticaria, rossore, prurito, angioedema, stridore, sibili, dispnea, vomito, diarrea o shock…”. Dato che l’anafilassi è una reazione generalizzata, possono essere osservati diversi sintomi e segni, a livello neurologico, oculare, respiratorio (alte vie e basse vie), cardiovascolare, cutaneo o gastroenterico. Fonte: Farmacovigilanza.

Purtroppo non sappiamo come si sia  svolta la vicenda. Gli articoli letti on line non rivelano se se fosse noto che il ragazzo avesse avuto in passato episodi allergici gravi, o se fosse a rischio di shock anafilattico (la reazione allergica più grave). Si legge che sia morto durante il trasporto, ma non sappiamo se  se sia stato chiamato il 118, se sia stata posta una diagnosi di anafilassi. Non si sa quindi se sia stato trasportato dai famigliari o in ambulanza. Non si sa se il ragazzo abbia ricevuto un primo soccorso prima del trasporto, se sia stato soccorso da personale medico, quindi autorizzato a eseguire le procedure d’urgenza previste in questi casi. Non si sa nulla. Mi auguro che la stampa non dimentichi questo episodio e fornisca in seguito i chiarimenti che l’autopsia porterà alla luce.

Mi rendo conto che con questo post non vi sono di grande aiuto, ma approfondirò con chi di dovere. Mi informerò.Vi informerò.

14 commenti

Archiviato in ALLERGIE & ALLERGIE e INTOLLERANZE ALIMENTARI, Anafilassi, Shock Anafilattico, Reazioni allergiche