Archivi categoria: Creme dolci SENZA

Un dolce alla vaniglia senza questo e quello… per le mamme senza tempo!

Crema di vaniglia con frutti di bosco by mimangiolallergiaPOTREBBE CONTENERE PROTEINE DEL LATTE E DEL GRANO

CON SOIA

Mamma, ma che dolce offriamo agli ospiti? | Non ci avevo pensato… Dobbiamo? | Certo mamma, io voglio il dolce! | mmh potremmo preparare una bella macedonia di frutti di bosco e col gelato alla vaniglia | No mamma, una torta… | No tesoro, ora non ne ho il tempo | Mamma, fai il budino alla vaniglia e ci metti i frutti di bosco… … … Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in Creme dolci SENZA, Dolci SENZA, RICETTARIO

Crema al cioccolato spalmabile fatta in casa SENZA latte e senza glutine

Nutella sana by mimangiolallergiaSENZA PROTEINE DEL LATTE, GLUTINE, e ALTRE PROTEINE del GRANO

CON FRUTTA A GUSCIO (nocciole e mandorle) e SOIA sottoforma di lecitine

Un giorno la mamma di un compagno di scuola di Alice mi dice:

“Ma tu hai mai assaggiato la mia “Nutella sana”? | No… dovrei? | Certo che sì, domani te la porto, ma consumala velocemente perché è senza conservanti… Detto, fatto! Squisita… senza paragoni! BRAVA MAMMA SILVIA! 

L’industria alimentare, bio e non, lancia continuamente creme spalmabili senza proteine del latte e senza glutine, ma… non sempre sono facilmente reperibili, in città forse sì, ma se penso a certe località turistiche in cui mi capita di andare… il nulla:( a Non è indispensabile ovviamente, ma quando si ha un piccolo allergico in casa che non può questo e quello, va bene che le frustrazioni fanno crescere, ma troppe frustrazioni ci abbruttiscono, o no? Quindi può tornare utile avere una ricetta per preparare la crema di cioccolato spalmabile fatta in casa. In rete le ricette ormai abbondano, ma io ve ne dò una collaudata e graditissima non solo da Alice ma anche da tutti coloro che sono passati da casa nostra e l’hanno assaggiata! Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in Colazione SENZA, Creme dolci SENZA, Dolci SENZA, RICETTARIO

“Biancomanciari” o Biancomangiare

Biancomanciari o Biancomangiare a modo mio

DOLCE SENZA: PROTEINE DEL LATTE, DELL’UOVO, GLUTINE o altre PROTEINE DEL GRANO*, SOIA

CON: FRUTTA A GUSCIO (mandorle e pistacchi)

Il biancomangiari è “un dessert antichissimo che risale al Medioevo. In origine era preparato con solo latte, zucchero e amido, oggi è spesso arricchito con il profumo delle mandorle.” (Fonte: Sale & Pepe, aprile 2010)

Qualche settimana fa ero comodamente seduta in poltrona a casa di Roby, la cugina più estroversa di tutta la famiglia di mio marito, nonché grande amante delle “mangiate” in compagnia, e stavo sfogliando una delle tante riviste di cui era ricoperto il suo tavolino in salotto e mi è caduto l’occhio su un dolce al cucchiaio a me sconosciuto, sebbene io abbia girato la Sicilia in lungo e in largo.

Questo dolce è ideale per l’estate che avanza e per i bambini, perché nutriente, rinfrescante e da mangiare col cucchiaino, salvo intolleranze o allergie note alle mandorle e ai pistacchi.

Di seguito leggerete la ricetta che io ho seguito quasi fino alla fine, ossia fino a quando mi sono accorta di aver dimenticato di acquistare mandorle e pistacchi! Così ho guarnito con mandorle tritate, ma il dolce era comunque squisito.

Curiosità: sbirciando in Wikipedia ho scoperto che le Regioni che se la contenderebbero sarebbero Valle D’Aosta, dove usano il latte di mucca, e Sicilia, dove usano il latte di mandorla. Se volete leggere anche voi, clickate qui.

Ricetta tratta dalla rivista Sale & Pepe (04/2010)

per 4 persone

tempo di preparazione: 10’ ✪ tempo di cottura: 10’ circa ✪ 435cal/porzione

INGREDIENTI

1 litro di latte di mandorle * ❉ 200 g di amido di mais ❉ 100 g di zucchero (io ho usato quello di canna integrale bio che NON è scuro, perché NON è caramellato) ❉ cannella in polvere (se tollerata, senza … è diverso) ❉ 30 g di pistacchi sgusciati  30 g di mandorle ➵ io ho usato mandorle tritate

*in caso di celiachiaallergia al glutine o ad altre proteine del grano, verificate bene gli ingredienti. Noi abbiamo usato latte di riso e mandorla, ma non specificava nulla a proposito del glutine. Volendo potete anche prepararlo voi, seguendo le indicazioni che riporto di seguito e che ho trovato sempre nella stessa rivista: lasciar macerare 300 g di mandorle tritate o in scaglie in 1 l di bevanda vegetale (meglio di se di riso senza glutine e altre proteine del grano, il risultato sarà più gradevole) o di acqua, calda per tre ore circa. Poi filtrare il tutto.

PREPARAZIONE

  1. Riunire in una casseruola il latte di mandorle con lo zucchero semolato, l’amido di mais e un pizzico di cannella in polvere.
  2. Scaldate il composto su fiamma bassissima, mescolando in continuazione con un cucchiaio di legno fino a che lo zucchero si è sciolto completamente.
  3. Lasciate cuocere la crema per circa 3-4 minuti fino a che si addensa, poi versa tela in un largo piatto fondo e lasciatela raffreddare.
  4. Io ho semplicemente spolverato il dolce con le mandorle tritate come vedete nella foto.
    Scottate per pochi secondi i pistacchi in acqua bollente, scola teli, eliminate la buccia che li riveste e tritateli fini. 
    Distribuiteli sulla superficie del dolce con le mandorle a lamelle e servite.

Figlia e nonna Pia (ossia mia madre) erano soddisfatte del risultato, il maritino non ha gradito tanto la consistenza “pastosa”. A questo si potrebbe forse rimediare usando la gelatina alimentare, che conferisce una consistenza più “budinosa” come viene suggerito in Ricette d’Oro de La CUCINA ITALIANA oppure in rete.

4 commenti

Archiviato in Creme dolci SENZA, Dolci SENZA, RICETTARIO

Nutella? No, grazie.

SENZA PROTEINE DEL LATTE, CON FRUTTA A GUSCIO e CON NICHEL

Per gli allergici alle proteine del latte vaccino, la Nutella è un alimento vietato. Non solo. Molti, allergici o intolleranti, non possono consumare il cioccolato. Non tutti però sanno che esite la crema di nocciole pura, oppure con malto o con miele.

Va da sé che non è indicata nel caso di allergia alla frutta a guscio o al nichel, ma se tollerata, la crema di nocciole è un’ottima alternativa in caso di allergia al latte e/o al cioccolato, sia sul piano del gusto, sia sul piano nutrizionale, anzi, quest’ultima ha il vantaggio di non contenere additivi vari e zucchero raffinato, e di offrire un buon apporto energetico, utile soprattutto nell’infanzia, prima di cominciare la giornata durante la prima colazione o dopo uno sport, come merenda rinforzata.

Nel caso degli allergici al glutine, la versione con miele è più indicata, ma molti allergici hanno problemi col miele. In questo caso, è possibile acquistare la crema di nocciole pura e aggiungervi il malto di riso o di mais, purché l’etichetta indichi espressamente l’assenza di glutine.

Lascia un commento

Archiviato in Creme dolci SENZA, RICETTARIO