Archivi categoria: Prurito

Bambini e adolescenti atopici e abbigliamento: quando non è solo una questione di glamour…

Calze 98% cotone by mimangiolallergiaMamma, sono stanca di quelle calze bianche! Le voglio anch’io colorate! | Tesoro, vediamo… magari ne troviamo un paio che non ti fanno venire quel terribile prurito, come l’altra volta, ricordi? | Hai ragione mamma, però… se le trovi me le compri? | Certamente, è una promessa. 

E le promesse bisogna mantenerle, sempre, altrimenti si perde di credibilità, giusto?

Ma quella domanda, posta da una bambina… non è una questione di “glamour”, è qualcosa di più profondo e ha a che fare, secondo me, con l’accettazione di sé, così come si è…

 

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Allergeni, DERMATITE ATOPICA, Fattori scatenanti, PENSIERI DI UNA MAMMA, Prurito

Maschere di Carnevale e Dermatiti da contatto: istruzioni per l’uso…

Maschera di Carnevale by mimangiolallergia

Se no siete atopici o non avete figli atopici, potete anche abbandonare questa pagina, perché probabilmente non vi interesserà, ma se… siete allergici al nichel, agli acari, avete la dermatite atopica, o ne sono affetti i vostri figli o le vostre figlie… o se anche soltanto avete una pelle molto sensibile, bene, allora prima di recarvi ad una festa di carnevale, sbirciate in questo post… e prendete appunti;)

Nessuno ci pensa… eppure le mascherine, apparentemente tanto innocue per la maggioranza, possono essere fonte di irritazioni non trascurabili in alcuni casi. Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in ALLERGIE & ALLERGIE e INTOLLERANZE ALIMENTARI, DERMATITE ATOPICA, Fattori scatenanti, Prurito

Disegnare con la farina: quando allergie e dermatite atopica lo consentono.

Disegni con la farina by mimangiolallergiaDurante: Mamma! Guarda che bei disegni! | Tesoro… non vorrei fare la guastafeste, però attenzione alle tue dita, non vorrei che si irritassero, perché quella farina, forse, non è adatta alle tue mani… | Mamma! La disidrosi non può impedirmi di divertirmi!!! | Fai come credi, io ho ti ho avvertita… 

Alla fine: Mamma… le dita bruciano… | EVITO LA FRASE… TE L’AVEVO DETTO… e, invece, dico: Risciacquale sotto il rubinetto con l’acqua ben fredda, poi vediamo di applicare una crema…

Io però l’avevo glielo avevo detto… Continua a leggere

8 commenti

Archiviato in Allergeni, ALLERGIE & ALLERGIE e INTOLLERANZE ALIMENTARI, DERMATITE ATOPICA, Fattori scatenanti, Prurito

Biglietti di auguri natalizi fai da te… possibilmente a prova di bambini allergici

Biglietti di Auguri Natalizi by mimangiolallergiaOCCORRENTE: fogli di carta bianca, pastelli a cera*, forbici a portata di bambino, una matita, colla stick (così non cola dappertutto)

Mamma, dobbiamo fare i biglietti di Natale! | Quali biglietti?! | Ma mamma, non ti ricordi? I biglietti di auguri per i nonni, gli zii, i cuginetti! | Ah… è vero, ma… hai già qualche idea? | Io no, ma il libro sì…

Quelli nella foto sono la riproduzione di un’idea offerta dal solito libro, di cui ho parlato qualche settimana fa, e che la figlia quest’anno riesce a realizzare al 95% da sola, quindi ne è molto fiera, anche perché, invece dei soliti pennarelli, questa volta ha voluto usare la tecnica del “graffito” (non so come si chiami in realtà, chiederò…). Questa attività sarà a prova di bambino allergico? Dipende…

Continua a leggere

4 commenti

Archiviato in Allergeni, ALLERGIE & ALLERGIE e INTOLLERANZE ALIMENTARI, APPROFONDIMENTI, DERMATITE ATOPICA, Fattori scatenanti, Prurito

DERMATITE ATOPICA E VARICELLE NEI BAMBINI: impacchi freddi per prurito e dolore

cuscino freddo/caldo riutilizzabile by mimangiolallergiaE’ proprio vero che la malattia è vissuta da ciascuno di noi in modo assolutamente soggettivo, ma qualche rimedio forse può essere condiviso. E con i bambini atopici bisogna essere molto flessibili, possibilisti, e molto molto fantasiosi. E di fantasia voglio parlarvi oggi, o meglio fantasia “curativa”. Quella che vedete nella foto è un “cuscino gel” freddo/caldo riutilizzabile” che avevo acquistato in Germania anni e anni fa per le contusioni. Lo tengo sempre in freezer, pronto all’uso e in questi giorni, in cui anche la figlia si è presa la varicella, mi è tornato molto molto utile! Scusate se continuo a tediarvi con la varicella, ma si è insediata prepontemente in casa nostra, difficile far finta di nulla… Continua a leggere

4 commenti

Archiviato in DERMATITE ATOPICA, Farmaci e integratori, Fattori scatenanti, Prurito

La storia di Pellina. Una breve favola per spiegare ai più piccoli la dermatite atopica.

La Storia di Pellina, La Scuola dell’Atopia

“C’era una volta Pellina, una bella casetta 
con il suo tetto 
e le finestre per guardare fuori. 
Pellina è una casetta 
molto delicata, ma 
finché il tempo è bello 
se la passa benissimo!”

Una volta il tempo si guasta, 
viene molto vento che fa volare le foglie 
e solleva tanta polvere. Pellina, si capisce, 
è tutta spaventata 
e spera che il brutto tempo 
finisca presto. […].

Queste sono le prime righe della breve favola “La Storia di Pellina” che potrete leggere nel sito de La Scuola dell’Atopia, di cui avevo già parlato in questo post. Continua a leggere

14 commenti

Archiviato in DERMATITE ATOPICA, Prurito

LIBRI: Giocando s’impara

 

Giocando s’impara, di Miriam Stoppard, 2005 Mondadori

Come anticipatovi venerdì scorso, oggi vi presento “Giocando s’impara. Sviluppa le potenzialità del tuo bambino con creatività.”, di Miriam Stoppard, edito da Mondadori. Un altro libro che ho utilizzato nel primo anno di vita di nostra figlia, da un lato per trascorrere del tempo insieme a lei (soprattutto nelle giornate piovose e fredde che in Germania, dove è nata Alice, abbondano più che mai), svolgendo attività semplici, divertenti e stimolanti; e dall’altro per “distrarla” dal prurito (sintomo purtroppo costante nella dermatite atopica) in modo semplice e divertente, a volta anche insieme ad altri “amichetti” con le loro mamme (devo ammettere che mi sono proprio divertita in quel periodo, nonostante la dermatite atopica fosse davvero devastante, senza sapere cosa fosse a causarla).

 

Il primo anno di vita è di fondamentale importanza per lo sviluppo del bambino, e il gioco è un utilissimo strumento per stimolarne l’apprendimento. Con una singola ‘Ora d’Oro’ di gioco al giorno, potrete incrementare le sue potenzialità: grazie ad attività mirate a sviluppare la sfera dell’intelletto, del linguaggio, della manualità, del movimento, della socializzazione, potrete seguire di mese in mese i rapidi progressi di vostro figlio.”

Questa è la presentazione in quarta di copertina, ma considerate questo libro uno spunto, e non un manuale da prendere proprio alla lettera. Mi riferisco per esempio ai riquadri in cui sono descritte le capacità che mese per mese il bambino dovrebbe mettere in atto: sono indicative; non fate confronti con i figli degli altri. Scegliete le attività che più vi aggradano e più adatta a vostro figlio e divertitevi! E tanto per rimanere in tema, anche questo volume, nel capitolo dedicato al bambino dai 5 ai 6 mesi, illustra semplici attività da compiere con le manine dei piccoli suggerendo anche qualche filastrocca. Oppure propone il gioco dei mattoncini da costruzione…

Attenzione. Molte sono le attività che prevedono l’utilizzo di materiali e giochi che i bambini a quell’età potrebbero portare alla bocca. In questo caso mi permetto di suggerirvi di prestare molta attenzione all’acquisto dell’oggetto o alla scelta di quello più idoneo, se si tratta di oggetti ricevuti in regalo, per le ragioni che ho già spiegato in questo post, senza fanatismi però. Dico questo perché nel tempo ho conosciuto molti genitori che presi dall’ansia, sterilizzavano tutto, acquistavano solo oggetti in legno (senza accorgersi talvolta che erano comunque rivestiti da una vernice trasparente!), oppure gli concedevano di giocare soltanto con due o tre giochi al massimo “per non rischiare”, niente peluche (sebbene in commercio si trovino pupazzi, animali, bambole in tessuto anallergici, lavabili in lavatrice più e più volte). Un corretto sviluppo psicofisico non avviene solo tramite la somministrazione di cibo di qualità, ma anche di amore, gioco, divertimento e opportunità di esplorare il mondo che lo circonda, con i 5 sensi al completo.

Una malattia cronica mette a dura prova un genitore che talvolta potrebbe rischiare di concentrare tutte le sue energie sull’accudimento, a discapito della sfera emotiva.

Conservo vivissime nella mente immagini di Alice che ride a crepapelle durante un’attività o durante la lettura di una fiaba in cui io ovviamente “recito” con voci diverse ciascun personaggio, nonostante il viso stravolto dalla dermatite atopica. Quando mi capitava di sedere su una panchina al parco e di raccontarle una filastrocca, le persone si fermavano a guardarla, e prima di chiedermi che cosa avesse in viso, si lasciavano contagiare dalla sua allegria, nonostante tutto.

Anche questo post partecipa all’iniziativa di HomeMadeMamma insieme ad altri partecipanti:

9 commenti

Archiviato in DERMATITE ATOPICA, Fattori scatenanti, GIOCHI PER BAMBINI & ATTIVITA' VARIE, LIBRI & Riviste, PENSIERI DI UNA MAMMA, Prurito