Biscotti farciti per ogni occasione… anche per Carnevale!

Biscotti farciti per Carnevale by mimangiolallergiaSarà capitato anche a voi… non è solo il testo della famosissima canzone di Mina (Zum, Zum, Zum), bensì anche una situazione condivisa in cui… all’improvviso, vi capita un invito a casa d’altri, non importa di quale occasione si tratti, ma ciò che importa è che tutti possono mangiare di tutto,  mentre vostra/o figlia/o è parecchio allergica/o a latte e uova e derivati, e vi hanno chiesto di portare un dolce… che possa mangiare anche vostro/a figlio/a che però, attenzione, non vuole la solita torta, è arcistufa/o dei soliti dolci, è arcistufa/o di… essere allergica/o. Anzi no, di essere allergica/o a tutto ciò che gli altri possono mangiare e -aggiungo io- indipendentemente dal fatto che poi le piacerebbero o meno: è proprio la frustrazione che non manda giù. Che fare? 

10 anni è l’anno delle svolte, o almeno lo è per Alice. Anzi, diciamo che è l’età in cui certe emozioni si definiscono meglio e diventano più chiare anche a chi le prova: rabbia, sconforto, senso di ingiustizia… ma non di impotenza.

Ci si può opporre, ci si può ribellare, ci si può rassegnare, e … si può aspettare che sia il momento giusto per indagare altre vie, nel frattempo è importante ACCETTARE e attivare la RESILIENZA:

“[…] Le persone con un alto livello di resilienza riescono a fronteggiare efficacemente le contrarietà, a dare nuovo slancio alla propria esistenza e perfino a raggiungere mete importanti. L’esposizione alle avversità sembra rafforzarle piuttosto che indebolirle. Esse tendenzialmente sono ottimiste, flessibili e creative; sanno lavorare in gruppo e fanno facilmente tesoro delle proprie e delle altrui esperienze. […] La resilienza non è una caratteristica che è presente o assente in un individuo; essa presuppone invece comportamenti, pensieri ed azioni che possono essere appresi da chiunque. | Avere un alto livello di resilienza non significa non sperimentare affatto le difficoltà o gli stress della vita | Avere un alto livello di resilienza non significa essere infallibili ma disposti al cambiamento quando necessario; disposti a pensare di poter sbagliare, ma anche di poter correggere la rotta.  (Fonte: mentesana.it)

Cosa c’entra tutto questo con i biscotti farciti? Con il fatto che pure io sono arcistufa di mettere le mani in pasta ad ogni costo… L’idea di comprare biscotti senza latte e uova, ma con grano, e farcirli come nella foto, mi è venuta perché ci trovavamo in Germania e ci era stato chiesto di portare un dolce per tutti che potesse mangiare anche Alice, per non lasciarla senza dolce a cui loro non sapevano proprio come rimediare. Ovviamente non avevo sottomano ingredienti per improvvisare… quindi ho detto alla figlia:

Non vuoi la torta? Bene, proponi tu un dolce da portare stasera, perché non abbiamo il tempo materiale per cercare gli stessi ingredienti che troveremmo nella dispensa di casa. | Sei tu la mamma! Sei tu che devi proporre… | Ok, io propongo ma che non diventi un ping pong infinito, perché cosa mangeremo è poco importante, ciò che è importante è che rivediamo la tua “compagna di culla” che vediamo da un anno, e che mettono a disposizione la casa per stare insieme in allegria, ed è questo che importa” | Ok, ho capito il messaggio: biscotti farciti, ma farciti Uauuuuuu! | Bene, si può fare 😀

Quello in sintesi il dialogo che ha preceduto la preparazione di quei biscotti che sono stati letteralmente spazzolati in 5 minuti! Con gaudio di tutti. E questa volta… devo ringraziare l’industria alimentare che sui prodotti senza sta facendo passi da giganti (con qualche intoppo, ma nessuno è perfetto). Anche se… non pensiate sia stato facile scovare quei biscotti, perché in Germania i biscotti sono considerati, nella maggior parte dei casi, una stravaganza alimentare tutta all’italiana:-) Figuriamoci poi trovarli senza burro e uova!

Sul tema della resilienza… però ci torneremo, ora passiamo alle istruzioni per preparare quel dolce super facile che grazie alle decorazioni si presta anche per una festicciola di Carnevale!

INGREDIENTI 

confezione di biscotti tollerati (noi abbiamo usato una confezione di biscotti con grano, senza proteine del latte e uova, ma qui trovo anche quelli senza glutine e proteine del grano, senza latte e uova!), un barattolo di crema al cioccolato tollerata (noi abbiamo usato una crema vegan ma con nocciole), palline di zucchero colorate (che contengono molti ingredienti naturali, vegan, ma non sempre tollerati, come coloranti vegetali ecc., quindi ad ognuno il suo prodotto senza gli allergeni del caso).

PREPARAZIONE (lampo)

Spalmare la crema di cioccolato su ambedue i lati di due biscotti e unirli, sovrapporli a due a due, aggiungere una “spennellata” di cioccolato sul lato in alto (per assicurarci che un po’ di palline rimangano attaccate) e cospargere con lo zucchero! E il dolce è pronto!

E Buon Carnevale a tutti bambini allergici e non!

 

Advertisements

Lascia un commento

Archiviato in Dolci SENZA, RICETTARIO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...