Sorelle vampiro. Un libro per distrarsi dall’… esame del sangue!!!

Sorelle Vampiro by Il CastoroMamma… Io oggi NON voglio fare i test!!! Io ho paura!  |Di che cosa? | “Di svenire al prelievo come l’anno scorso. E poi me ne fanno troppi! I prick prudono da impazzire e mi fanno male!!! Posso non farli?!?!?” | Tesoro, il tutto durerà una manciata di minuti, e poi il fatto che tu sia svenuta una volta, non vuol dire che tu svenga tutte le volte | Non sei tu a farli !!! Sono io !!! E io non voglio farli !!! Dai mamma, posso non farli?!?!? | No tesoro, sono necessari… … … … …

Bene… questo il breve dialogo intercorso martedì mattina 9 settembre prima di uscire per recarci al Reparto di Allergologia Pediatrica dove è seguita la figlia e nella foto il libro che all’ultimo minuto prima di uscire ho pensato di mettere in borsa da leggere nell’attesa… Voi vi starete chiedendo se sia stata una buona idea portarsi un libro di vampiri, che succhiano sangue qua o là o minacciano di farlo, o anche solo lo desiderano… Eppure: non solo la figlia si è sganasciata dalle risate, ma si sono sganasciati anche i bimbi in attesa insieme a lei! Perché il potere della lettura ad alta voce è una realtà… Se il libro merita, ovviamente!

Tutto nella mia vita avrei pensato, ma mai di comprare un libro sui vampiri. E se non fosse stato per la Libreria dei Ragazzi di Via Tadino a Milano, credo che la serie Sorelle Vampiro, di Franziska Gehm, edita da Il Castoro, non sarebbe mai entrata in casa nostra, perché… mi immaginavo tutt’altro. 
E invece non solo abbiamo comprato il primo, ma abbiamo anche sperato e aspettato e cercato il secondo volume che è quello che ci siamo poi portate appresso quel giorno.
I libri sono esilaranti, ma allo stesso tempo molto molto delicati, perché parlando di diversità, nel periodo dell’adolescenza, e di come due ragazzine, sorelle gemelle, opposte tra loro, come l’acqua e il fuoco, che condividono però un segreto (sono mezze vampiro, perché il vampiro è il simpaticissimo padre, mentre la madre non lo è…) approcciano i coetanei e di come i coetanei approcciano loro, e delle tensioni, e delle soluzioni… In tre parole: due bei libri. Da leggere assolutamente, dagli 8 anni in poi direi.
Il padre di Alice non vuole che noi lo si legga la sera, perché dice che è troppo “eccitante”, nel senso di avvincente, perché nel secondo c’è tutta la tensione del rapimento delle sorelle, ma la narrazione è talmente spassosa, che cade in secondo piano.
In ogni caso ho raggiunto il mio obiettivo: distrarre la figlia che una volta arrivati sembrava un leone nell’arena: agitata, irrequieta, andava di qua e di là, non riusciva a stare ferma… finché le ho detto: “Basta, ora leggiamo”. Siamo andate nella sala d’attesa con i giochi e ho cominciato a leggere, senza false intonazioni, senza amplificare con voci teatrali, bensì con sincero interesse per la storia, a bassa voce. Poi timidamente qualcuno si è avvicinato per chiedere se poteva ascoltare… e poi leggevo non più a voce bassa, perché tutti ridevano e tutti si distraevano dal motivo per cui era lì.
Voi non ci crederete… ma RIDERE di gusto è stato l’anestetico più potente che io potessi darle. Alla fine è entrata serena nell’ambulatorio, ma le cose hanno seguito un altro corso, ma ve ne racconterò un’altra volta;-)
E con questo libro torno a partecipare al Venerdì del libro di HomeMadeMamma da cui mancavo da troppo tempo. Buon fine settimana anche con i suggerimenti del VdL odierno, e guarda caso PaukHomeMadeMamma ha recensito proprio oggi un libro “che spiega in pratica come diventare dei detective e nel  percorso di formazione, lungo quanto il libro, dove bisogna raccogliere tanti indizi e risolvere addirittura un caso.” 
Le Sorelle Vampiro sono anche su Facebook!
Advertisements

12 commenti

Archiviato in LIBRI & Riviste, PENSIERI DI UNA MAMMA

12 risposte a “Sorelle vampiro. Un libro per distrarsi dall’… esame del sangue!!!

  1. Mi consola sapere che leggere storie di vampiri può essere in qualche modo utile… io fino ad ora non ho mai letto nulla di questo genere ne’ proposto ai miei piccoli…. probabilmente per via di pregiudizi… il tuo racconto mi hai fatto ricredere…

    • Idem, ma Emanuela Nava in occasione del corso che frequentai aprì una breccia e da allora certi libri “nonni fanno più paura”:-) questo libro è stata una rivelazione anche per me;-)

  2. Venerdì dal cellulare come al solito non riuscivo a commentare… e pensa che nemmeno sono riuscita a linkarmi da Paola, ho dovuto scriverle 🙂
    Questioni tecniche a parte, volevo complimeentarmi con te anche qui: è bello e di supporto per molte vedere come gestisci le emozioni di A.
    Nel caso ci ricapitasse di dover fare esami del sangue tengo presente il libro, anche se magari lo cercherò a prescindere 🙂 baci

    • Ciao Cì! Condivido purtroppo i problemi tecnici… volevo approvare da cell questo commento ma ho dovuto aspettare di potermi sedere davanti al computer, non so perché ma ormai ci rinuncio…e grazie, perché a volte non so proprio che pesci pigliare, e mai avrei immaginato che un libro potesse essermi di aiuto… un abbraccio grande

  3. Ottimo suggerimento! Lo tengo presente per la nipotina..secondo te va bene anche se ha dieci anni? Non legge molto e cerco sempre dei libri che possano invitarla a farlo, divertendola.

    • Assolutamente sì! Anzi… ora leggo ad alta voce, ma… a 10 se lo gusta lei… Molto poi dipende dai bambini: Alice potrebbe leggerlo da sola, ma le piace che questo glielo legga io;-)

      perché l’importante alla fine, indipendentemente da chi legge è come scrivi tu nel tuo post di martedì… “leggere e’ anche evadere dalla quotidianità e, contemporaneamente, distrarsi e vivere altre vite parallele.”

  4. Pingback: Le Quattro Stagioni di Boscodirovo per… prendere sonno! | mimangiolallergia

  5. Pingback: Favole di Esopo per ingannare l’attesa dei bambini allergici e non | mimangiolallergia

  6. A me i vampiri non piacciono affatto… però se sono divertenti e possono aiutare anche in momenti di potenziale difficoltà, perchè no?

    • Scusaaaaaaaaaaa ma non avevo visto questo commento… e non solo questo… non so cosa sia successo, quindi rimedio subito!
      anch’io i vampiri non li amo… ma questi semi-vampirette sono talmente buffe… che potresti cambiare idea;-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...