Allergie, Dermatite Atopica e dintorni: facciamo chiarezza sui termini, ancora una volta.

Matita by mimangiolallergiaDi tanto in tanto è bene fare un ripasso di alcuni termini, per potersi orientare nel marasma delle informazioni in rete e su carta stampata, perché talvolta non è sufficiente “essere a conoscenza”, ma bisogna “sapere”, e non basta “saper leggere”, dobbiamo altresì imparare  a “decodificare”…

Allergia alimentare/intolleranza alimentare, intolleranza al lattosio/allergia alle proteine del latte, allergia al grano/celiachia/sensibilità al glutine non-celiaca, traccia/ soglia di sicurezza, dermatite atopica/eczema/dermatite da contatto, desensibilizzazione orale per alimenti (DOPA), desensibilizzazione/tolleranza permanente, sono termini di cui leggiamo e sentiamo parlare in modo talvolta contraddittorio. E come possiamo distinguere l’informazione dalla disinformazione se non abbiamo una base di partenza?

Risalgono a 4 anni fa circa i due post che avevo scritto per spiegare che allergia alimentare e intolleranza alimentare non sono sinonimi e che eczema e dermatite atopica non sono sinonimi. Nel frattempo il mini glossario di questo blog si è arricchito di termini, laddove alcuni sono ancora in fase di definizione forse. E proprio recentemente ho aggiunto:

Allergia al grano (frumento): I sintomi dell’allergia al grano possono manifestarsi con diversa intensità fino  all’anafilassi. L’allergia al grano non deve essere confusa con “intolleranza al glutine” o con la celiachia. Un’allergia alimentare è una reazione abnorme del sistema immunitario ad una proteina specifica. Quando l’allergene viene ingerito, può scatenare una reazione allergica più o meno severa. Un’allergia alimentare può essere anche fatale. (Fonte: FARE)

Dermatite da contatto

[…] Le dermatiti da contatto sono entità diverse e definibili come reazioni infiammatorie della cute nei confronti di sostanze che ne vengono a contatto. Da un punto di vista patogenetico si dividono in due categorie: dermatite da contatto irritativo (DCI) e dermaite da contatto allergico (DCA).[..] (Fonte: La Scuola dell’Atopia, p. 18, di Carlo Gelmetti, edito da Springer)

Intolleranza al lattosio: si intende l’incapacità dell’intestino a scindere lo zucchero complesso lattosio (si trova nel latte di mucca, di capra, di asina oltre che nel latte di donna) in due zuccheri semplici: glucosio e galattosio che sono assorbibili dall’intestino. Tale incapacità è data dalla mancanza totale o parziale di un enzima (lattasi) che si trova a livello della superficie delle cellule che rivestono l’intestino.

Diagnosi – Molto spesso una storia clinica accurata che mette in evidenza un rapporto di causa-effetto tra assunzione di lattosio e comparsa dei sintomi è già sufficiente per porre diagnosi di intolleranza al lattosio. Nei casi dubbi il test che ci permette di fare diagnosi di certezza è il breath test al lattosio. È un test di semplice esecuzione che si può effettuare in regime di day hospital.
Consiste nel far soffiare il paziente (deve essere a digiuno) dentro un speciale palloncino.
Si fa bere poi al bambino una quantità definita di lattosio (calcolata in rapporto al peso del bambino). Quindi il bambino dovrà soffiare, sempre dentro lo speciale palloncino, ogni 30 minuti per le tre ore successive. […] 
(Fonte: Ospedale Bambin Gesù)

Marcia atopica: si intende il progressivo sviluppo di diverse manifestazioni allergiche nei primi anni di vita, in realzione al patrimonio genetico individuale e come risposta ai diversi fattori ambientali favorenti o protettivi. (Fonte: La Scuola dell’Atopia, di Carlo Gelmetti, p. 97, edito da Springer)

Sensibilità al glutine non-celiaca (in inglese, gluten sensitivity, GS): costituisce ad oggi una condizione ancora scarsamente definita, il cui sospetto è sostanzialmente clinico. (Fonte: AIC)

Soglia di sicurezza degli allergeni: esse possono essere definite a due livelli, ossia soglie individuali e soglie per popolazione. Una soglia individuale è la quantità massima di allergene che può essere tollerata da un soggetto allergico. Una soglia per popolazione, invece, è la quantità massima di allergene che può essere tollerata da un’intera popolazione (o da un sottogruppo rappresentativo) di soggetti con allergia alimentare. (Fonte: Rapporto Eufic sugli allergeni alimentari (10/2013)

E poi… ci sono tre termini che meritano molta attenzione, in quanto, da oggi fateci caso, chi scrive senza essere un “addetto ai lavori” spesso non coglie la differenza tra desensibilizzazione e tolleranza permanente.

Desensibilizzazione: “Per desensibilizzazione si definisce uno stato transitorio di tolleranza in cui il soggetto momentaneamente non è reattivo all’allergene per il quale presenta sensibilizzazione. Ciò avviene grazie alla continua esposizione a piccole dosi di antigene.” (Fonte: Centro Allergie Alimentari)

“La desensibilizzazione descrive la capacità di assumere un alimento senza avere reazioni avverse in un periodo di regolare assunzione di dosi dello stesso alimento (per esempio, continuando l’immunoterapia orale). […] Quindi l’individuo rimane allergico all’allergene alimentare, e l’ingestione dell’alimento dopo un periodo di eliminazione ( interruzione dell’immunoterapia) potrebbe dar luogo a una reazione allergica acuta. A questo proposito, la desensibilizzazione a un alimento è simile al processo di desensibilizzazione ai famaci nelle allergie a farmaci. Al contrario,
la tolleranza è l’abilità di tollerare un alimento dopo che è trascorso un periodo di tempo dall’assunzione dell’alimento stesso (per esempio, dopo interruzione della immunoterapia orale). […] Ci si aspetta che la tolleranza persista almeno per mesi o anni dopo l’interruzione della terapia alimentare[…]” (Fonte: Riaip, Immunoterapia orale e induzione della tolleranza in età pediatrica)
Mentre la Desensibilizzazione Orale Per gli Alimenti… è una procedura:
Desensibilizzazione Orale Per gli Alimenti (DOPA): […] consiste nella lenta e graduale somministrazione di quantità progressivamente crescenti dell’alimento in causa in quei soggetti con storia di reazioni immediate di tipo allergico confermate da una attenta valutazione allergologica. […] La Desensensibilizzazione è una procedura non ancora standardizzata: vi sono vari schemi di attuazione, più o meno veloci, più o meno rischiosi, che vengono concordati con i genitori in base alle caratteristiche cliniche ed allergologiche del soggetto da desensibilizzare. […]”(Fonte: CiboAmico).
Per oggi può bastare.
In mente ho altri termini di cui leggo spesso in rete in modo contraddittorio, suscitando dubbi che non dovrebbero sussistere, che rimangono in attesa di chiarimenti da parte dell’allergologo di fiducia, ma ne parleremo in un altro post 😉
Annunci

2 commenti

Archiviato in ALLERGIE & ALLERGIE e INTOLLERANZE ALIMENTARI, APPROFONDIMENTI, DERMATITE ATOPICA, Desensibilizzazione Orale Per Alimenti (DOPA), desensibilizzazione e tolleranza permanente

2 risposte a “Allergie, Dermatite Atopica e dintorni: facciamo chiarezza sui termini, ancora una volta.

  1. monica

    …è importante far sempre chiarezza sui termini usati…è come quando si comincia a fare una partita a carte e ci si “rinfresca” la memoria circa le regole valide…è importantissimo far chiarezza in questa giungla di parole…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...