Allergie Rare: Il “registro” delle allergie alimentari rare in età pediatrica

“[…] viene annoverata come rara quando coinvolge meno di 5 bambini su 10 mila. Quando il pediatra si trova alle prese con uno di questi rari casi, è utilissimo che possa confrontarlo con altri. […] Da bambino non ha mai sofferto di allergie, ed ecco che un adolescente si ricopre di pomfi. Che cosa gli avrà fatto male?[…] Può darsi che ci troviamo di fronte a un’allergia rara. Il ragazzo non è più sotto l’ombrello protettivo della mamma, comincia a uscire da solo, ad assaggiare piatti inconsueti. […] Solitamente è la mamma che pone la diagnosi. Infatti se la reazione è a comparsa immediata, già durante l’assunzione dell’alimento, la madre è in grado di collegare gli eventi e di individuare il cibo responsabile della reattività. Se la reazione allergica risulta ritardata, la diagnosi non sempre è così agevole.” (Fonte: Fondazione Veronesi, 26/05/2012)

E come non è facile per la madre, potrebbe essere non facile anche per il pediatra diagnosticare correttamente. E qui entra in gioco la Società Italiana di Allergologia e Immunologia Pediatrica (SIAIP) con la Commissione che si occupa di Allergie Alimentari, di cui il dottor Alberto Giuseppe Martelli è Responsabile, decidendo di creare un Registro delle allergie alimentari rare in età pediatrica.” Casualmente, come sempre accade in questi casi, mi sono imbattuta nell’articolo di cui sopra che direi autorevole viste le fonti della notizia: Fondazione Veronesi, SIAIP e il dottor Alberto Martelli, allergologo pediatraresponsabile dell’unità operativa complessa di Pediatria dei presidi ospedalieri di Garbagnate e di Bollate, nonché coautore di un volume avente per oggetto l’anafilassi. In realtà stavo cercando informazioni sull’allergia alla mela, ma non alla mela in generale, ma solo alla mela gialla…

Sì perché qualche tempo fa avevamo ospite a cena un’amica, la quale, una volta saputo che avrei servito la macedonia, e realizzando di essersi “dimenticata” di avvertirmi che è allergica, mi ha chiesto: “Ma tu hai usato mele gialle o mele rosse o mele verdi?!?” | “E … quale sarebbe la risposta giusta?!?” | “Non gialla…” | “Bene, perché ho usato quelle rosse…” Ma mai mi sarei immaginata l’allergia ad una qualità di mela, per altro la più dolce… mi avesse detto la qualità renetta, più acida… non so…

Ero rimasta incuriosita. Stavo quindi cercando informazioni per capire meglio e leggere quell’articolo è stata solo la conferma di quanto ci aveva già detto il primo dermatologo, tedesco, che aveva visitato nostra figlia per la sua dermatite atopica, ossia che si può essere allergici a qualsiasi alimento, e che in un soggetto atopico le allergie possono manifestarsi per la prima volta a qualunque età… e gli adolescenti rientrano ancora nella fascia pediatrica… quindi drizziamo le antenne, fidiamoci della nostra capacità di osservazione, avvertiamo il pediatra e… informiamolo dell’esistenza di quel Registro, qualora non lo sapesse già…

Advertisements

4 commenti

Archiviato in ALLERGIE & ALLERGIE e INTOLLERANZE ALIMENTARI, Anafilassi, Shock Anafilattico, Reazioni allergiche

4 risposte a “Allergie Rare: Il “registro” delle allergie alimentari rare in età pediatrica

  1. barbara

    ….quante cose sto imparando….grazie a te,e a tutte voi!!!
    Grazie 🙂

  2. certo che l’allergia alle mele gialle è proprio insolita, hai ragione.
    per il resto mi associo a barbara

  3. Pingback: Pasta fresca fatta in casa senza uova ma con lo zafferano! | mimangiolallergia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...