ALIMENTI CHE CONTENGONO NICHEL. Seconda puntata.

La valutazione dei dati della letteratura medica sull’allergia sistemica al nickel non permette di trarre conclusioni esaustive. Le incertezze, contraddizioni, incongruenze appaiono numerose e ripetute. Dubbi e mancanza di chiare evidenze sussistono sia riguardo agli aspetti clinici sia ai reali rapporti con l’assunzione del metallo. Dubbi anche sulla validità delle procedure diagnostiche nella pratica clinica e sulle procedure in toto degli studi clinici esaminati. Dubbi infine sulla composizione e sul valore terapeutico della stessa dieta a basso contenuto di nickel. In assenza di autentiche certezze non si può che concludere, come spesso accade, che sono necessari ulteriori e più ampi studi, più rigorosamente condotti, per potersi pronunciare in maniera più decisa sui quesiti oggetto di questa ricerca.”

Queste sono le Conclusioni a cui è pervenuto il dottor Sivlio Pizzuttelli nella sua Revisione della letteratura. Il nichel: l’allergia sistemica e la dieta, pubblicato (Settembre 2010) nel sito della SIAIP (Società Italiana di Allergologia e Immunologia Pediatrica).

A proposito di “dieta a basso contenuto di nichel”, il dottor Pizzuttelli scrive altresì:

[…] L’eliminazione completa del nickel per la ubiquitarietà del metallo non è possibile, e probabilmente, non è auspicabile e si deve pertanto programmare un’alimentazione a basso contenuto; ma: quanto basso? rispetto a quali parametri? Quanto restrittiva deve essere la dieta? Quali alimenti sono da escludere? Quale atteggiamento rispetto all’uso di pentole ed utensili in acciaio inossidabile? E l’acqua? E il fumo di sigarette? Ed inoltre, quali sono gli obiettivi del trattamento e per quanto tempo deve essere protratta la dieta? Mancano, come già detto, risposte chiare ed univoche supportate da evidenze; all’apparenza, molti comportamenti prescrittivi sono empirici e dettati da valutazioni personali. Le diete presenti in letteratura sono molto variabili sia nell’estensione delle restrizioni sia nel dettaglio della composizione. In altre parole in alcuni casi l’esclusione è limitata agli alimenti abbastanza unanimemente ritenuti ad alto contenuto, in altri casi essa è più estensiva e coinvolge anche alimenti a contenuto di nichel più ridotto; inoltre nell’ambito della stessa categoria di diete più o meno restrittiva, gli stessi alimenti possono essere proibiti in alcuni schemi e non in altri.[…]”

Tempo fa avevo pubblicato un post sugli alimenti che contengono nichel (questo post ) e da allora continuo a ricevere commenti e mail, sia per condividere informazioni ed esperienze, sia per mettere in dubbio la lista da me indicata in quell’articolo. Qualche lettore mi ha anche scritto, chiedendomi se ero al corrente che uno o l’altro alimento non contenuto in quella lista contenesse nichel. Dalle vostre domande è scaturito il mio desiderio di approfondire e la mia ricerca mi ha portato a quel documento e sebbene “giacesse” nel mio computer in una cartella da molto tempo, non riuscivo mai a decidermi a darne notizia anche qui, in quanto da un lato pensavo che essendo già on line, non ci fosse bisogno che io la pubblicizzassi oltre, e dall’altro non è proprio la risposta che molti cercavano. Pur tuttavia non mi risulta che sia stato scritto qualcosa di nuovo e significativo da quella pubblicazione, e poiché nessun lettore l’ha segnalata in questo blog, mi sono detta che forse valeva la pena condividerla, perché forse non è così ovvio che tutti la conoscano.

In ogni caso, secondo il mio debole parere, ogni paziente è un caso a sé stante e quindi ad ognuno la sua lista. Quella da me pubblicata nel post di cui sopra è la più generica e la più condivisa, in cui sono riportati gli alimenti che contengono concentrazioni maggiori di nichel e che mi era stata data anni fa quando si sospettava che Alice fosse allergica al nichel, ma in realtà non l’ho mai osservata, perché la sua dermatite non dipende/-eva da ciò che mangia/-ava, né allora né oggi.

Il Documento è scritto in modo talmente chiaro e comprensibile, anche per i non addetti ai lavori, che preferisco non aggiungere altro in questa sede, bensì vi invito a leggere la Revisione per intero, per poi magari scambiarci le nostre impressioni, in un secondo tempo…

Io avrei delle domande, soprattutto nel caso di bambini, ma mi riservo di ponderarle bene e di scrivere un post a parte, per cui riaggiorniamoci.

Advertisements

35 commenti

Archiviato in ALLERGIE & ALLERGIE e INTOLLERANZE ALIMENTARI, APPROFONDIMENTI

35 risposte a “ALIMENTI CHE CONTENGONO NICHEL. Seconda puntata.

  1. Tilly

    Mi associo ulteriormente per la concezione di sensibilità “alimentare” soggettiva. Per fare un esempio è accaduto ad una mia conoscente di bere un tè e di vedersi comparire quasi istantaneamente una nella macchia in viso con molto prurito. A me al contrario non succede nulla nè è mai successo neppure quando lo bevevo tutti i giorni. Al contrario lei si mangia i pomodori che io evito. Il problema inoltre come sottolinei è l’ubiquitarietà della sostanza, per esempio presente in tutti i grassi idrogenati, che per fortuna però stanno cominciando a sparire da molti prodotti. E che dire dei cibi cotti a contatto con l’acciaio inossidabile? Perchè se a casa ci si può attrezzare comunque si dovrebbero escludere tutti i prodotto industriali, prodotti con utensili e recipienti di tale materiale.

    • Il problema è che non sembra esistere una cura… Stefania che ha lasciato un commento al post precedente scrive di aver ricevuto dei globuli omeopatici… il problema è che se vieni messo a dieta, non sai se i risultati positivi sono da attribuirsi al rimedio o alla dieta… In ogni caso sono assolutamente convinta che il sistema immunitarioè tartassato da mille sostanze naturali e non desiderate e non presenti ovunque. E bisognerebbe poterlo “disintossicare” di tanto in tanto, e probabilmente diventerebbe meno sensibile, forse… ma non sono un medico… e su questo tema di dibattono gli esperti da anni senza venirne a capo…

  2. Ciao oggi pomeriggio ho conosciuto un medico antrposofo, ho voluto incontrarle perchè a Gloria è apparsa una malattia autoimmune. Il cortisone, l’antibiotico l’hanno salvata, e per fortuna esistono, ma non escludo la possibilità di un disequilibrio della sua anima. Nel post in cui mi sono un pò sfogata terminavo dicendo che è tempo di prendere decisioni, e come dicevi tu negli articoli precedenti noi genitori abbiamo un grosso compito, per portare l’equilibrio dove non c’è ( malattie autoimmuni,dermatite atopica … anche Glo!, allergie), partendo soprattutto da noi stessi. I figli vengono al modo per farci evolvere, c’è poco da fare, c’è chi coglie questa occasione e chi no.

    • Medico antroposofo… anch’io ne conoscono uno e l’argomento mi interessa molto e visto che condividiamo i disturbi del sistema immunitario… sarò ben felice di scambiarci qualche opinione sul tema. Grazie di aver condiviso e… evolveremo insieme:)

  3. è stato un piacere scoprire il tuo blog, sull’allergia il niche so molto poco, ho parlato con un allergologa tempo fa, la quale mi faceva presente oltre che per i problemi alimentari in particolare mi segnalava le pere e tutti i frutti rossi ma non l’ho mai verificato a dire il vero, mi diceva del problemi dei tessuti se trovo qualcosa te lo scrivo

    • Grazie Gunther! Io non sono un medico, ma per necessità mi informo, e cerco di farlo attingendo SOLO a fonti ufficiali, sperando che garantiscano qualche sicurezza in più, anche se talvolta mi è capitato di incappare in errori di giudizio e valutazione, che a me fanno sorgere il dubbio ma che ad un esperto farebbero rizzare i capelli in testa, magari un giorno ti interpellerò:) e i tessuti… sono un argomento mOlto interessante. Per lavoro, in passato, ero incappata in tessuti non tessuti impregnati di sostanze di vario tipo per svariate ragione a insaputa del consumatore finale, ovviamente. Quindi attendo fiduciosa:)

  4. Tilly

    Più che i tessuti che io sappia sono importantissimi i colori utilizzati per tingerli. Blu e verde sono sconsigliati ad esempio per le ceramiche ad uso alimentare e quindi cerco di non usarli troppo per tessuti che sono a diretto contatto con la pelle.

    • Hai ragione, ma nel mondo del tessuto non tessuto (e non solo purtroppo) ci sono una miriade di prodotti per conferire “odore di pelle”, “morbidezza” e altre caratteristiche gradite al consumatore… Forse Gunther ci darà qualche indicazione più precisa:)

  5. jessica

    volevo condividere con voi un prodotto ke mi sembra adatto agli allergici al nichel,ma nello stesso tempo vorrei pareri se anke x voi è adatto o meno..marca BISCOPAN tipologia GALLETTE nome PAN KAMUT ingredienti:farina di grano Khorasan KAMUT.oli vegetali nn idrogenati 13,5%,lievito madre naturale(farina di grano khorasan Kamut,acqua)sale iodato,malto d’orzo.Prodotto in stabilimento che utilizza anche sesamo e olive denocciolate a ciclo automatico e possono contenere eccezionalmente frammenti di nocciolo. Io l’ho trovato nella catena di supermercati BENNET (abito in provincia di Alessandria)..spero di essere stata utile,fatemi sapere!

    • In teoria, se l’allergia è importante, anche la sola contaminazione in fase di lavorazione potrebbe dare noia ad un allergico… L’allergologo non ti ha dato il nome di un bravo nutrizionista nella tua zona?

  6. jessica

    nutrizionista?non me lo posso permettere sia come tempo ke come soldi..cerco di far da me con le notizie su internet.

  7. valeria

    volevo sapere se i ricci di mare contengono nichel….?!?

    • Salve Valeria, io purtroppo non lo so. Bisognerebbe chiederlo ad un allergologo, però qualcosa mi dice che potrebbero contenerlo. Hai già visionato l’elenco contenuto nel documento oggetto di questo articolo? In ogni caso puoi contattare via mail l’autore di quel documento, oppure al mio ritorno a casa mercoledì p.v. vedo di reperire un altro riferimento on line. Scusa il ritardo con cui rispondo, ma ho difficoltà a rimanere connessa… a presto

  8. barbara

    sono disperata………sto andando in esaurimento ho prurito ovunque un giorno in testa un altro giorno viso ecc……….ho fatto il test sono allergica al nichel solfato +++ non sò più cosa magiare …il pane azzimo bio va bene?????????ringrazio in anticipo se qualcuno mi risponde

    • Barbara,
      il pane azzimo di per sé non dice nulla, perché i suoi ingredienti variano a seconda di chi lo produce, dai processi di lavorazione eccetera. Il fatto che non dovrebbe contenere lievito industriale non è di per sé una garanzia. Eviterei quello confezionato, ma al tuo posto rivolgerei questo quesito ad un bravo allergologo di riferimento, a cui poterti rivolgere periodicamente per dipanare i tuoi dubbi. Sebbene sulla sulla questione del nichel negli alimenti ci siano molte incertezze, come avrai dedotto dal documento redatto dal Dottor Pizzuttelli di cui parlo in questo articolo. Mi verrebbe quasi da suggerirti di scrivere a lui.
      Sebbene ci siano molti allergologi in rete che potrebbero rispondere al tuo quesito, non me la sento di raccomandarteli perché non li conosco personalmente, ma visto che hai lasciato un commento a questo post, mi verrebbe da dirti di contattare il dottor Pizzuttelli e chiedere a lui.

    • Franco

      Il pane azzimo,purchè non sia integrale,eliminare assolutamente anche il riso

  9. agnese

    gentile monica, sa dirmi se esistono agevolazioni per l’acquisto di creme e detergenti personali e per la casa nichel free? so che gli affetti da celiachia godono di agevolazioni per l’acquisto di cibi senza glutine in farmacia. sono allergica al nichel e non posso pagare, oltre al disagio, denari in più per ogni prodotto che devo acquistare nichel free. faccio notare che un detersivo per lavatrice nichel free e senza profumo della VEA costa 14 euro!!! in attesa di un cortese cenno, un saluto e grazie! agnese

    • Agnese… temo di no, perché quella dei celiaci è una condizione molto singolare.
      Anche in caso di dermatite atopica, la terapia prevede emollienti ad hoc, molto costosi che sono totalmente a carico del paziente, purtroppo. A parte il latte idrolisato per la prima infanzia in caso di allergia alle proteine del latte vaccino, non mi risulta, ad oggi che esistano agevolazioni in questo caso. Ma poiché tutto cambia, o può cambiare, mi informo e ti faccio sapere settimana prossima. A presto.

    • Franco

      Più che chiedere al SSN. agevolazioni,si dovrebbe far si che le aziende che producono questi prodotti,non speculino sulle disgrazie altrui,si eviterebbero molti casini burocratici in questo modo.

  10. anna

    ho visitato miliardi di siti ma non ho ancora capito che tipo di farinacei posso consumare liberamente ….integrale nulla?? ..in alcuni leggo riso si,in altri no…idem farro,kamut ,farina di semola grano duro e tutto il resto…sono certa solo sulla soia e il mais (non si possono mangiare)..e il lievito di birra???grazie!!!

    • Cara Anna, ben trovata.
      Le informazioni in rete possono al massimo confermare o meno la diagnosi e la terapia del tuo allergologo di fiducia, ma soprattutto tu sei il tester principale, ossia… hai mai provato a consumare cereali integrali, senza introdurre altro di nuovo? Quali sintomi hai osservato?
      Perché, come scoprirai leggendo il documento a cui faccio riferimento in questo post, i risultati delle ricerche variano da medico a medico, da strumenti a strumenti, da scuola di pensiero a scuola di pensiero… Non solo. Ognuno deve redigere la propria lista di alimenti sì, oppure no.
      Se hai ancora qualche dubbio contatta il medico / autore della Revisione nel suo sito… magari potrebbe aggiungere qualcosa.

  11. anna

    grazie!!la mia allergologa si è limitata a consegnarmi una lista con alimenti si e alimenti no e mi ha detto si cercare di prendere tutte le precauzioni possibili per non venire a contatto con ciò a cui sono allergica(non solo il nichel purtroppo)!non è molto facile seguire la dieta senza nichel…vivo di frutta e verdura e li nella lista cè nè pochissima e sapendo che i prodotti raffinati(farina 00,riso bianco,zucchero bianco,sale ecc) fanno male,da anni cerco di sostituirli con quelli integrali…quindi capisce che mi trovo un pò in difficoltà ad affrontare questa allergia!!la ringrazio!!

  12. Pamela

    Cari nichelini,
    in realtà è tutto molto semplice…basta osservare il corpo…solo lui è in grado di darci risposte certe,non di sicuro un allergologo o un nutrizionista che si limita a “liste” anche poco veritiere.
    Un in bocca al lupo a tutti!

    • Cara Pamela,
      io conosco e intervisterò una allergica al nichel espertissima di osservazione del proprio corpo… ma che ringrazia una brava allergologa che le ha indicato una via, perché a volta il fai da te non basta, a volte, mentre quando basta possiamo davvero ritenerci fortunati:-D Però hai ragione quando dici che solo una lista di alimenti da sola non basta (purché sia personalizzata) e a volte occorre proprio rivedere il proprio stile di vita… ma è un altro discorso:-) Grazie per il tuo contributo.

  13. Pamela

    Cara Monica, grazie della tua risposta.Non mi sono sicuramente spiegata bene…certo che bisogna essere seguiti da un buon allergologo ed un buon nutrizionista…ma bisogna anche “ascoltare” il corpo.Spero di essere stata più chiara.Grazie ancora e complimenti x il blog.

    • Perdonami se pubblico sola ora il tuo commento ma è un periodo dove rincorro il tempo:-( E grazie per i complimenti! ma non li merito, perché vorrei dedicare molto più tempo che in questo periodo come non mai mi manca terribilmente!
      Comuqunque grazie della tua precisazione, perché in effetti avevo capito che tu non considerassi utile il parere del medico… in generale. Io… non mi affido ciecamente ma mi rendo conto che sono solo una mamma e mi adopero per trovare il medico più competente ed empatico allo stesso tempo possibile, perché dall’ascolto del proprio corpo e dall’ascolto attento e attivo del paziente da parte di un buon medico… può scaturire la via più adeguata al caso.
      Grazie ancora.

  14. Pamela

    Cara Monica,sono di nuovo qui a scriverti vista la tua gentilezza e disponibilità…Siccome la mia nutrizionista mi ha tolto completamente i dolci,vorrei sapere se tu o qualcun altro sa dirmi se dolci fatti in casa con il burro sono invece possibili.In più…c’è qualcosa che possiamo fare da noi che somigli alla cioccolata?Grazie.

    • Ciao Pamela! Che bello ritrovarti!
      Allora… sostituto del gusto cioccolato –> carruba, però non ne conosco i contenuti in termini di nichel, quindi dovresti chiedere alla tua nutrizionista prima… Trovi diversi prodotti che sostituiscono la polvere di cacao, la crema di cioccolato ecc.
      Non mi è chiaro la ragione per cui la nutrizionista ti vieti “tutti i dolci”: intende quelli industriali? Se sì, per via delle contaminazioni in fase di produzione o per altre ragioni? Giusto per indirizzare la produzione casalinga…
      All’inizio di questo blog postavo ricette “senza nichel” ma poi ho smesso perché al max sono “a basso contenuto di nichel”. Che fare? Noi il burro non possiamo usarlo, quindi usiamo olio di girasole o margarina per i dolci, ma magari tu devi evitare anche la soia. Allora mi viene in mente questo link e quest’altro. Personalmente non li ho testati e non conosco le persone, anzi nel secondo caso non c’è ALCUN riferimento al titolare del blog… quindi a te decidere se provare o meno (anzi… se provi, sappimi dire per favore…). Spero di esserti stata utile. Ma se mi dai un pochino di tempo vedo se ritrovo un libro, scritto da una dietista, che conteneva ricette a basso contenuto di nichel. A presto!

  15. Pamela

    Ciao Monica,
    x adesso mi vieta tutti i dolci in generale perché sono di nuovo in fase di “disintossicazione”…ma anche dopo non mi concede praticamente alcuno sgarro!
    Io so che la margarina e l’olio di semi DEVO assolutamente evitarli,ma il burro va bene,questo è quanto trovo scritto in ogni lista di alimenti CONSENTITI.
    Ora darò un’occhiata al link che mi hai inviato e quando troverò un po’ di tempo tra un lavoro e l’altro…tenterò “nuove ricette” che scambierò con te molto volentieri.
    Sei sempre gentilissima.
    Grazie di cuore cara Monica….un abbraccio grandissimo!

    • ma di che cara Pamela,
      quando nella Rete si riesce a trovare ciò che ci serve, senza rimanerci impigliati, sono grata alle nuove tecnologie:)
      Sto cercando il libro… ma ricordo che lo messo da parte perché teneva in considerazione sono una vecchissima lista di alimenti, quelli notoriamente più ricchi di nichel, però… abbi fede, lo ritroverò e ti avviso:-)

  16. Pamela

    Grazie di cuore…

  17. Monica

    Cara Monica…e da poco che ho scoperto di essere allergica al nikel….sono in crisi , non so più cosa devo e cosa non mangiare……mi aiuteresti…. Anche perché tanti scrivono e dicono cose diverse!!!Grazie

    • Cara Monica,
      hai scritto giusto… “tanti scrivono e dicono cose diverse” e proprio per questo ti chiedo una cosa: hai già contattato un allergologo/una allergologa che ti segua nel tempo? Perché ogni soggetto allergico al nichel lo è a modo suo (chi al contatto, chi in via sistemica, chi ad entrambe, chi tollera un alimento, chi un altro e così via). Personalmente non sono un medico e non posso proprio permettermi di darti indicazioni. Se tu visiti questo sito, capisci bene come è imprevedibile e terribilmente soggettiva l’allergia al nichel, per questo prima di tutto trova un medico a cui riferirti e se non sarai soddisfatta rivolgiti ad un altro, ma non affidarti al fai da te o ai consigli in rete. Occorre un’anamnesi accurata e solo dopo un po’ di tempo è possibile fare qualche considerazione nel lungo periodo…
      Fammi sapere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...