Quenelle o polpette vegetali: che buone mamma!!!

SENZA: Proteine del Latte, Uovo, Glutine, Soia

CON: Legumi, Frutta a guscio

Le quenelle vegetali secondo Alice

Ebbene sì! E chi l’ha detto che solo le polpette di carne sono buone? Quelle vegetali possono sostituirle benissimo e costituire un piatto gustoso e nutriente. Non solo, Alice si è dimostrata un vero portento in cucina, perché è riuscita perfino a preparare le quenelle (poi verso la fine era un po’ stanca e ha chiesto di fare una pausa… però era mOlto soddisfatta del suo lavoro:) )

Da tempo sto cercando di convertire la famiglia ad una cucina prevalentemente vegetariana, ma senza successo, nel senso che né padre né figlia vogliono sentirne parlare. Io, al contrario non avrei problemi, soprattutto perché mi convinco sempre più che un eccesso nel consumo della carne e latticini ha, non può avere, ma ha effetti negativi sulla nostra salute. E una delle fonti più autorevoli che spiega chiaramente l’argomento è l’autore di questo libro e non sto ora a dilungarmi sul tema.

Per svariate ragioni quindi, di tanto in tanto, propongo la mia versione di polpette vegetali a tutta la famiglia, sia in estate sia in inverno, ma fino a quest’estate le avevo preparate utilizzando fagioli cannellini o fagioli borlotti oppure cornetti verdi o cornetti bianchi, soprattutto durante lo svezzamento (privandoli in questo caso della buccia)

L’idea di usare i piattoni (per intenderci quelli che vedete “ritratti” nella foto a lato, “chiesta in prestito” a Simona, autrice di questo bel blog (lei i piattoni li ha cucinati così 🙂 Grazie Simona.) mi è venuta in villeggiatura, in quanto ero arrivata al mercato troppo tardi e avevano finito praticamente tutto, ma erano rimasti i piattoni bianchi… Che fare? Ho provato. Voi penserete che sono fuori stagione, ma quelli della settimana scorsa erano ottimi (non erano bio, lo ammetto).

Foto di briciole.typepad.com di Simona

Attenzione. Quando sono “vecchiotti” hanno un filo con cui potreste cucire le suole delle scarpe, quindi fate la prova, ossia fatevi spezzare davanti a voli un piattone. Se staccandosi, è visibile il filo… non comprateli.

Certo i veri sostituti della carne sarebbero le lenticchie, i ceci, i fagioli, i piselli, per via del contenuto di nutrienti, ma Alice è allergica a lenticchie, piselli, e fave e sebbene i ceci conferiscano un sapore particolare, Alice non impazzisce per le polpette a base di ceci, mentre Alice adora la farinata, per fortuna.

In casa mia non si mangiavano polpette, di nessun tipo, quindi la ricetta altro non è che una versione adattata ai nuovi ingredienti delle nostre polpette di carne.

Quelle che vedete nella foto somigliano più a delle quenelle, perché non avevo in casa molte patate e sono rimaste più morbide e meno compatte, ma voi potete “aggiustare” la consistenza come più vi aggrada aggiungendo patata o fecola di patate (attenzione all’etichetta, verificate l’assenza di allergeni).

Sia per insaporire, sia per aggiungere nutrienti, ho utilizzato una buona dose di pinoli tritati. Volendo potete usare anche le mandorle (se non ci sono allergie in famiglia alla mandorla), ma il gusto sarà più dolciastro… buono ma diverso…

ATTREZZI

recipiente alto ❋ forchettone di legno ❋ due cucchiai da tavola se fate le quenelle ❋ mixer ❋ pentola antiaderente per la cottura sul fuoco o teglia da forno per la cottura in forno… a voi la scelta

INGREDIENTI per tre persone

400 g di piattoni bianchi ☆ 4 patate medie ☆ 1 cipolla o tre scalogni ☆ 100 g di pinoli ☆ sale marino integrale q.b. ☆ olio extravergine di oliva q.b. ☆ qualche pomodorino ☆ 10 foglie di basilico fresco

PREPARAZIONE

  1. Lessare a parte le patate in acqua leggermente salata.
  2. Affettare la cipolla.
  3. Lavare e tagliare a quadrotti i piattoni e i pomodorini.
  4. Stufare brevemente in un tegame antiaderente con un filo di olio, un pizzico di sale, i pomodorini tagliati a metà, le foglie di basilico e due tazzine da caffè di brodo vegetale o acqua.
  5. Aggiungere i piattoni e ultimare la cottura. (Non buttate il sughetto di cottura, vi servirà per la cottura delle quenelle o polpette).
  6. Lasciar intiepidire, prima di tritare il tutto, ottenendo un composto piuttosto “bagnato”.
  7. Schiacciare nel recipiente le patate.
  8. Aggiungere il trito di piattoni.
  9. Tritare i pinoli e aggiungerli al composto. Aggiustare di sale se necessario.
  10. Con l’aiuto di un cucchiaio formate le quenelle e deponetele nello stesso tegame in cui avete stufato i piattoni e fate rosolare su un lato (altrimenti ponetele in forno a 170° con grill, ma spennellatele con un filo d’olio prima di scaldarle).
  11. Lasciar rosolare qualche minuto e servire tiepide.
Potete consumarle accompagnate da un contorno a base di verdura fresca di stagione, qualche fetta di pane con aglio e olio, concedendovi un bel dolce finale, gelato in estate o dolce più autunnale in autunno-inverno.

Alice le ha divorate! Provare per credere.

p.s. prima o poi, quando troverò il tempo, frequenterò un bel corso di macrobiotica, perché i veri esperti sono loro! Le mie quenelle sono buone, ma si possono ottenere risultati superlativi con i giusti accorgimenti...

Annunci

11 commenti

Archiviato in MENÙ VEGETARIANO, Secondi SENZA

11 risposte a “Quenelle o polpette vegetali: che buone mamma!!!

  1. anche a casa mia cerco spesso di fare cose “più vegetariane” ma soprattutto il marito non le apprezza molto (lio vivrebbe di formaggio…sigh) bellissima ricetta, la proverò!

    • @mami e Carlotta, vedo che allora le belle famiglie sono composte da opposti:) come la nostra:) Comunque non ne no a male Carlotta, tranquilla, son ben altre le cose che mi fanno arrabbiare, anch’io non vedo l’ora che il mio maritino faccia le sue cotolettine… però… Alice mangia già tanta carne a scuola… vabbè, un colpo al cerchio uno alla botte…

  2. Carlotta

    interessante questo post: Mi incuriosisce molto questo diverso approccio alla cucina anche se in realtà sono per la cucina tradizionale, sicuramente riducendo le dosi di carne alla settimana. Quelle belle polpettine al vino o in umido quanto sono buone!!!! Io sostengo Alice e tuo marito 🙂 Non avermene a male!

  3. Buone!!! 🙂
    io le faccio con i ceci, di preferenza, col mais (non so se è un alimento ok o no per voi), con le lenticchie, con qualsiasi legume! Anche quelli selvatici o dimenticati…
    Se trovi la roveja o la cicerchia scopri due piccoli tesori 🙂 (poi bisogna vedere se per voi vanno bene)
    In genere non aggiungo patate ma altre verdure, quelle di stagione.
    Un giorno pubblico una ricetta, è un po’ che vorrei, ma sono così in arretrato!
    Da me trovi delle quenelle di piselli con crauti viola. un bell’accostamento cromatico 😉 ciao!

    • le cicerchie… le ho comprate e le ho lì, ho dimenticato di chiedere all’allergologa, ho paura che assomiglino alle fave a cui alice è allergica, oltre a piselli e lenticchie ovviamente, non ci facciamo mancare nulla. Mentre la roveja… non la conosco! devo informarmi, se hai pubblicato una ricetta vengo e la provo:)

      • Ci

        la roveja e’ una lenticchia di montagna molto robusta, paremte
        dei posellinselvatici, direi di no 😦
        tra l’altro difficilissima da trovare, e’ ormai raccolta solo nel parco dei Sibillini
        la zucca e’ ok per voi? e il topinambur?
        ottimi per legare le polpette…
        baci

      • il topinanbur lega? Voglio provarci! La zucca la mangiamo in tutte le versioni e volevo (al forno, con pasta, il riso, quenelle…), il topinambur l’ho usato raramente perché ad alice … causava qualche piccolo disturbo di pancia (meteorismo), però è passato un anno… voglio ritentare, grazie!

  4. Pensa che al mercato dove ho comprato i piattoni della foto ancora si trovano (pero’ non ho fatto la prova del filo). La tua ricetta e’ davvero interessante e dal momento che mi piacciono tutti gli ingredienti, posso immaginare che anche io direi: che buone!

  5. Pingback: LIBRI: La banda delle polpette… misteri, risate, ricette | mimangiolallergia

  6. Pingback: Polpette vegetali senza proteine del latte e uovo | mimangiolallergia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...