la Torta di compleanno…

Torta di compleanno per Alice

“Che bello mamma! Allora mi farai una vera festa di compleanno? Con tutti i miei amici dell’asilo!

Ebbene sì. Hai compiuto sei anni, vai a scuola, ti meriti una signora festa! 

E la torta? Farai quella su due piani? Ti prego mamma, mi piace tanto!

No tesoro, perché non sarei capace di farla per 40 persone… 

E allora? niente torta?

Ma certo che sì! Avrai la tua torta di compleanno, ma sarà una sorpresa…

La torta nella foto non rende giustizia all’originale!

Non ci crederete, ma non abbiamo mai organizzato una festa di compleanno tipo quelle a cui negli ultimi anni Alice ha partecipato, ossia con animazione per i piccoli, tanti amici, spazi su misura per accogliere tutti gli invitati e i loro accompagnatori, e soprattutto una torta, non casalinga, anche perché io non sono una “mamma pasticciera” come molte mamme, le cui torte mi capita di vedere e apprezzare nei loro blog. Sono … una mamma che si adopera per accontentare sua figlia, nei limiti del possibile, ma soprattutto senza la pretesa di riuscire a preparare una torta per 40 persone (piccoli ospiti e rispettivi accompagnatori).

Fino a quest’anno, Alice aveva dovuto accontentarsi di pochi amici, della mia torta su due piani, oppure della golosissima torta gelato preparata da Gloria, la quale anche quest’anno ha superato sé stessa con due torte, una variegata al cioccolato, l’altra all’amarena, con tanto di pesci, stelle marine ecc. di cioccolato fondente, ma… Gloria purtroppo non vive a Milano. Nessuno dei pasticcieri interpellati 1) aveva idea di come realizzare una torta senza latte, burro, uova, panna montata, ecc. 2) nessuno si prendeva la responsabilità di farla, per via delle possibili contaminazioni. Risultato? Niente torta fino a due settimane fa!

Avevo conservato un indirizzo di una pasticceria, la cui preparazione e professionalità avevo già avuto modo di testare ad una festa di amici, per i quali avevano allestito il catering. Ho provato. Ho telefonato e spiegato la ragione della mia telefonata ad una collaboratrice gentile, ma scettica (e anch’io lo sarei stata sei anni fa, perché chiedere ad un pasticciere di realizzare una torta senza gli ingredienti principali …. non è cosa da poco), la quale ha comunque riferito la nostra conversazione a chi di dovere e così ho avuto il piacere di parlare al telefono con il signor Ernst Knam in persona, del quale posso testimoniare la professionalità, la competenza, la disponibilità, la finezza d’animo e la sensibilità.

Gli ho spiegato che volevamo realizzare un piccolo sogno di nostra figlia che alle feste altrui non ha mai assaggiato la torta, ma solo quella della sua mamma, buona, ma …

Gli ho altresì spiegato che Alice è piuttosto allergica, non intollerante, quindi non basta evitare gli ingredienti, ma occorre evitare anche le contaminazioni. Gli ho spiegato che avrei capito se mi avesse detto di no…

Non mi ha lasciata finire e ha cominciato a pormi domande che dimostravano senso pratico, competenza, serietà e professionalità, ma anche determinazione e un sano piacere della sfida che ti porta a realizzare anche i sogni “proibiti”. Le domande erano volte ad approfondire e sondare il margine di azione che poteva avere per realizzare una torta che si era andata formando nella sua mente mentre parlavamo al telefono.

I clienti non gli mancano, io non sono una celebrity da accontentare ad ogni costo, pena un danno di immagine, quindi ha accettato semplicemente perché ama il suo mestiere e perché, sebbene sia diventato ormai un pasticciere di fama indiscussa a Milano e non solo, non smette mai di essere anzitutto una persona gentile e ancor prima un papà che sa cosa significhi voler accontentare un desiderio proibito di un bambino. Grazie di cuore signor Knam!

Qualche info sulla torta nella foto?

Una fetta di torta…

Una squisita mousse di cioccolato avvolta da una golosissima copertura di marzapane (senza albume finalmente! alla faccia di tutti coloro che mi ripetono che è impossibile). La fanciulla al centro della torta altro non è che la riproduzione di una fatina (Lillifee) molto nota in Germania che Alice adora (vorrei solo che notaste i particolari… come le stringhe delle scarpe!).

Torta di compleanno… un dettaglio

Per chi volesse saperne di più, può visitare il suo sito qui.

Che dire, alla prossima occasione (credo molto prima del prossimo compleanno!). Grazie signor Knam, anche a nome di Alice.

Annunci

19 commenti

Archiviato in ALLERGIE & ALLERGIE e INTOLLERANZE ALIMENTARI

19 risposte a “la Torta di compleanno…

  1. Prima di tutto tanti auguri ad Alice!
    E poi: che bello trovare tanta passione, amore e professionalità per il proprio mestiere e per gli altri!!

  2. auguri Alice! e che bella la gente che lavora (anche) per passione!

  3. Uau Ernst Kanm!
    Lo conosco bene il suo negozio!
    Beh, è giusto (e veramente apprezzabile) che uno chef famoso abbia voglia di cimentarsi con queste difficoltà. Se non lo fa lui chi allora?

    Sono contenta per te e Alice. Tanti auguri!!!
    Chissà quando riusciamo a vederci…

  4. ce ne fossero di persone così

    auguri alla piccolotta

  5. wow! che meraviglia!! una sogno per la tua piccola!! e tanti suguri!!

  6. carlotta

    Ho scoperto questo blog solo ieri e più leggo e più ho le lacrime agli occhi… di commozione per aver trovato chi condivide come noi un’avventura così sfidante come un figlio allergico con reazioni anafilattiche ad alcuni molto comuni alimenti, nel nostro caso glutine e uovo.
    Ritrovarsi nelle tue descrizioni delle piccole e grandi sfide quotidiane mi fa commuovere perché mi immedesimo in ogni passo che descrivi e ritrovo in te la mia determinazione a voler crescere mio figlio sereno, certa che la vita non è una fregatura anche se si è speciali… certo ogni passo è una sfida a volte faticosa, apparentemente in salita, ma comunque sempre gustosa perché mi permette di scoprire che niente è scontato e mi godo il mio bimbo con una intensità ogni giorno nuova e inaspettata.
    Avrei mille commenti da scrivere su un sacco di post, dall’autonomia, al bisogno di condivisione, al mio desiderio di inventare a Milano (visto che secondo me non c’è) un luogo, un ambito dove genitori si possano trovare (non solo virtualmente come in questo magico blog) e aiutarsi nelle cose pratiche quotidiane e nel sostenerci nei momenti più faticosi, organizzare momenti di confronto con i medici tipo quelli organizzati al Meyer.
    Grazie comunque per aver deciso di condividere con noi le tue riflessioni e la tua quotidianità con tua figlia… Spero che mi accoglierete tra voi…

    • Carlotta, non potrei aggiungere altre parole alle tue se non ripeterle, una per una per una. Io ci penso ogni giorno a riunirci tutti e forse potremmo cominciare col vederci una volta, ma non è facile per via delle distanze, delle esigenze dei piccoli pargoli… comunque ci sto pensando… ma i medici qui a milano sono … molto… molto… molto… impegnati… ma non mi dò per vinta.
      p.s. dove vivi?

  7. Ciao Monica! innanzitutto auguri ad Alice!

    ti faccio i miei complimenti per il blog, sicuramente un faro per tante persone che devono combattere ogni giorno con le allergie alimentari e non. alla mia bimba più piccola (un anno il mese prossimo) era stata dignostica la dermatite atopica, i primi mesi sono stati un incubo, era spesso inquieta proprio per il prurito che questa le causava. con l’arrivo dell’estate tutto è migliorato tanto che pensavo fosse stato superato tutto. da ieri i puntini pruriginosi sul viso sono ricomparsi. è stata una mazzata in testa, l’incubo è tornato. ora devo capire se magari dormendo al nido sia “colpa” di dove si appoggia lì o qualche alimento che ho introdotto ultimamente. quest’estate ha sofferto molto di sudamina sulla schiena alta o sul petto, ma con un po’ di attenzioni e un po’ di cremina al cortisone andava via. ma ora di nuovo la DA sul visetto proprio non la posso sopportare! 😦
    verrò a trovarti spesso!

    ciao
    Smile

    • Ciao Smile!
      Come ti capisco, ma tieni duro, perché i primi due anni sono imprevedibili, ma col tempo il loro sistema immunitario si rafforza, la loro pelle si rafforza… Alice una volta terminata la prima tornata di dentizione (intorno ai due anni) è drasticamente migliorata, ma già intorno all’anno, grazie anche ad un dermatologo illuminato, abbiamo contenuto la portata delle infiammazioni. Purtroppo non esiste una terapia per tutti, ma una per ciascuno.
      Alice sul viso era letteralmente devastata, ma io ci ero talmente abituata che non la vedevo, mi credi? Erano gli altri che mi facevano notare con oh.. poverina, oh ma cos’ha? oh, ma è contagiosa e io avrei voluto rispondere oh… ma perché non vi fate gli affaracci vostri?!
      Torna, ti aspetto e verrò anch’io a trovarti, complimenti per il blog!

  8. Pingback: Tortagelato di compleanno senza latte e uova e altro ancora? Si può, bisogna volerlo. | mimangiolallergia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...