Anafilassi e Fastjekt

Un incontro gratuito con i genitori di bambini allergici, per imparare a riconoscere le reazioni allergiche gravi, nonché ad usare il fastjekt (ossia, adrenalina autoiniettante).

QUANDO: 12 APRILE 2011, dalle ore 18:00

DOVE: Ambulatori di Allergologia, Ospedale pediatrico Meyer, viale Pieraccini 24, Firenze

PROGRAMMA: ore 18:00 RITROVO / ore 18:30 INIZIO / DURATA PREVISTA: un’ora circa, più trenta minuti per eventuali domande.

MODALITÀ DI SVOLGIMENTO: durante l’incontro, condotto dalla dottoressa Simona Contestabile, sarà spiegato come riconoscere le reazioni di anafilassi, come usare in modo corretto i farmaci, fra cui il fastjekt anche attraverso una dimostrazione pratica sull’uso di quest’ultimo, sia nella situazione di auto-somministrazione sia di somministrazione a terzi. I partecipanti potranno esercitarsi ad usare l’iniettore, sotto la guida esperta della dottoressa Contestabile. All’incontro parteciperà anche dottoressa Doris Kennenich, psicologa, che da mesi segue un gruppo di genitori in un percorso di scambio e confronto costruttivo rispetto all’educazione dei figli allergici.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI: info@ciboamico.it oppure su Facebook alla pagina Cibo Amico allergie alimentari ed anafilassi.

In Italia ci sono associazioni che operano con finalità e modalità di intervento differenti fra loro. Cibo Amico è una associazione, con sede a Firenze, di genitori di bambini allergici che si incontrano regolarmente, al fine di trovare soluzioni pratiche alle difficoltà quotidiane legate a questa patologia: dal far la spesa al supermercato al godersi una cena al ristorante, nonché ottenere “piatti sicuri” alla mensa scolastica e garantire il diritto, per i bambini a rischio anafilassi, di tenere sempre con sé i farmaci salvavita ed avere sempre accanto una persona di riferimento capace e autorizzata a somministrarli. Un sostegno dunque nella gestione quotidiana dell’allergia alimentare sia a casa sia a scuola. Alla creazione di Cibo Amico, ha contribuito anche il Reparto di Allergologia presso l’Ospedale pediatrico Meyer di Firenze, affiancando e sostenendo i genitori, nonché offrendo loro consulenza su diversi fronti.

Questo è anche il mio sogno nel cassetto, ossia riuscire a creare a Milano un punto di incontro con uno spazio fisico sia 1) per genitori di bambini atopici, per condividere esperienze, dubbi, timori, strategie e quant’altro le sinergie possono produrre, sia 2) per i bambini, per farli incontrare, per sdrammatizzare, per esorcizzare la paura, per simulare “l’andare a fare la spesa, con il loro piccolo carrello”, imparando a scegliere i cibi “sicuri”, oppure per insegnare a quelli più grandicelli a leggere le etichette e scovare gli inganni, per simulare situazioni quotidiane, per cucinare insieme dei soffici muffin al cioccolato, o anche semplicemente per giocare insieme e per conoscersi, per scoprire che non sono i soli, ma che ci sono tantissimi altri bambini con lo stesso problema, solo che non si conoscono, per farsi forza l’un l’altro e… tanto altro ancora per non sentirsi vittime, ma per agire e per reagire con piglio ed entusiasmo e non con rabbia o vittimismo. Potrei scrivere ancora molto, ma… credo di aver reso l’idea.

Conosco la presidente dell’Associazione Cibo Amico soltanto telefonicamente, ma credo di non sbagliarmi e dallo scambio veloce avuto ho sentito una grande forza, determinazione, competenza, entusiasmo e fiducia. È una mamma autentica, con obiettivi concreti altrettanto autentici, pronta a condividerli con tutti noi.

Martedì prossimo io non potrò andarci, perché infrasettimanale e Milano non è proprio dietro l’angolo, ma ho già chiesto a Valeria Invernizzi (presidente dell’associazione), di provare ad organizzare un incontro a tema un venerdì futuro, per unire l’utile al dilettevole, e i dintorni di Firenze abbondano di spunti ameni per trascorrere un tranquillo o vivace fine settimana in Toscana.

Spero che qualcuno di voi trovi utile questo post e nel caso doveste partecipare all’incontro fatemi sapere.

Annunci

2 commenti

Archiviato in ALLERGIE & ALLERGIE e INTOLLERANZE ALIMENTARI, Anafilassi, Shock Anafilattico, Reazioni allergiche

2 risposte a “Anafilassi e Fastjekt

  1. i tuoi post sono una miniera di informazioni!
    non avevo la più pallida idea di questo progetto nella mia città.
    fortunatamente la questione allergie non ci riguarda, già ci bastano le intolleranze in famiglia, però se non ti scoccia condividerei su facebook, fosse mai che qualcuno dei miei conoscenti possa essere interessato. e comunque tengo presente…

    • grazie, in realtà è la necessità che rende competenti… chi curioso di natura è e la sottoscritta è mOlto curiosa:) nessun problema per facebook, sono io che non ci sono ancora, perché non so se saprei gestire la cosa… la presidente mi è sembrata proprio in gamba, quindi val pena approfondire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...