LIBRI: Lo mangio o non lo mangio?

Oscar & Co.,Lo mangio o non lo mangio,Il Battello a Vapore

-Qual è la verdura che vi piace di più?- domanda la maestra Greta ai suoi allievi.

-Le patate fritte!- risponde Oscar per primo.

La maestra ride: -Le patate fritte sono buone, ma non sono molto sane. Ci sarà un’altra verdura che ti piace… pensaci un po’ e poi me lo dici. Va bene?     La verità è che a Oscar la verdura non piace: o è troppo amara, o è troppo dura o, come dice lui, ‘Sa di lumaca bollita’.”   Queste sono le prime righe tratte dal libro “Oscar & Co., Lo mangio o non lo mangio? “, di Roberto Pavanello, Il Battello a Vapore, illustrazioni di Christina Aliprandi & Maurizio Rubino. Alla fine del libro, Silvia Vegetti Finzi (psicologa dell’età evolutiva e scrittrice) offre spunti di riflessione (a chi dovessero interessare) su come affrontare alcune situazioni legate alla crescita. Infatti della serie Oscar & Co. troverete altri libri, tipo “Arriva il signor Buio”, “Questo è mio”, “Non mi fai paura”, ecc. Il libro di oggi lo avevo acquistato due estati fa al mare, e da allora Alice di tanto in tanto mi chiede di leggerglielo, non tanto perché le interessi l’argomento verdure, che per altro non ha mai avuto difficoltà a mangiare (sebbene alcuni ortaggi non le vadano più tanto a genio, sgrunt), bensì perché a un certo punto del racconto la Nonna Clara chiede al Draghetto Oscar di seguirla nell’orto per cogliere insieme verdure e erbe aromatiche per preparare un bel minestrone.

Lo mangio o non lo mangio, Il Battello al Vapore

E a questo punto scatta il racconto nel racconto, ossia di quando io ero bambina e trascorrevo nell’orticello dei miei nonni moltissimo tempo, osservando come si seminava, si concimava (concime naturale), si innaffiava, e poi veniva il momento del raccolto. Io ho sempre mangiato frutta e verdura di stagione, di produzione propria, e per questa ragione certe verdure le ho scoperte in età tardiva, quando i nonni non erano più in grado di coltivare la tessa, lavoro durissimo che richiede fatica, costanza e sacrificio. Andare nell’orto, “annusare” le piante aromatiche o i frutti appena colti, cogliere i frutti della terra è un’esperienza che tutti i bambini dovrebbero poter fare. Le allergie e la dermatite atopica possono però in certi casi ritardare questo magico incontro. Alice risulta per esempio allergica alle graminacee, ma per ora l’unico sintomo è cutaneo, se e solo se si rotola nell’erba, altrimenti nulla. Quindi, gli allergologi, quelli di buon senso, una volta scoperto che era un soggetto allergico, non ci avevano fatto prescrizioni particolarmente restrittive, ma ci avevano raccomandato di vigilare, onde evitare episodi allergici. Tanto per intenderci, la mia parrucchiera, dopo una giornata trascorsa a tagliare erba, è finita al prontosoccorso per una reazione allergica, mai avuta in vita sua, e non era la prima volta che tagliava l’erba in giardino! E del resto non è nemmeno possibile fare test allergici per ogni singolo elemento presente in natura! Insomma, con gli atopici non si può mai stare tranquilli, ma questo non significa che si debba tenerli necessariamente sotto una campana di vetro! p.s. Il libro termina con una frase che… io ho tagliato, ossia invece di leggere: – Allora, Oscar – domanda la maestra il mattino dopo. – Hai scelto qual è la verdura che ti piace di più? – Tutte – risponde il draghetto. – Ma solo se le cucina la mia nonna! …leggo: – Allora, Oscar – domanda la maestra il mattino dopo. – Hai scelto qual è la verdura che ti piace di più? – Tutte – risponde entusiasta il draghetto! È chiaro il perché, vero?!? Anche oggi partecipo all’iniziativa Il Venerdì del Libro di mamma Paola. Di seguito l’elenco degli altri blog partecipanti:

Forse non riuscirò a pubblicare i vostri commenti nel fine settimana, perché sarò fuori città, ma entro lunedì saranno on line🙂

Advertisements

9 commenti

Archiviato in LIBRI & Riviste, PENSIERI DI UNA MAMMA

9 risposte a “LIBRI: Lo mangio o non lo mangio?

  1. Pingback: Homemademamma » Venerdì del libro: libri per Papà… ma non solo!

  2. Ai miei invece la verdura non piace molto… Soprattutto alla principessa di casa. Magari potrei provare a farle cambiare idea proponendole una lettura così! Buon week end

    • @Stefania, elimina però l’ultima frase, altrimenti rovini tutto:)
      @Tilly, la parrucchiera era già allergicona prima di intraprendere il mestiere, ma pare che le allergie siano “migranti” durante la vita di un individuo… però concordo con te, vivere in un ambiente tossico… non giova al sistema immunitario.
      @Maris, della serie ce ne se altri altrettanto carini, anche se alcuni non rispondono esattamente alle mie aspettive…

  3. Tilly

    La parrucchiera, poverina, per lavoro è costretta a “massacrarsi” tutto il giorno con tinture e schifezze varie, ti dirò che non mi stupisce che alla fine il suo sistema immunitario abbia dato forfait (anche se la categoria professionale più allergizzata è quella dei panettieri – ho sentito dire certe cose da far venire i capelli bianchi…).
    In ogni caso sono veramente carine queste letture!!

  4. Troppo carino questo libro 🙂
    Maris

  5. Devo recuperarlo, noi abbiamo qualche problema con la verdura e fra poco vorremmo allestire un piccolo orto.

    • Ciao Mammozza:) se hai quell’intenzione allora devi procurarti un libro molto ben congegnato, con illustrazioni bellissime… quale? dammi qualche giorno per fare qualche ricerca, perché l’avevo visto in libreria, ma non avendo spazio per un orto, non ne avevo conservato i riferimenti, faccio una mini ricerca e ti so dire

  6. mi piace molto la filosofia di questo libretto.
    mi sa che i miei siano però ormai grandi per leggerlo.
    per le verdure non ho più speranze…

    • ma non credere, io ho sempre detestato i carciofi quand’ero bambina, poi adolescente, poi… ho imparato ad apprezzarli e oggi li divoro, mai dire mai:)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...