Bambini atopici e pidocchi. II puntata.

Nella prima puntata mi chiedevo, nel caso di bambini atopici se 1. se i prodotti antiparassitari prescritti solitamente in casi di pediculosi possano essere usati senza alcuna particolare precauzione, o in caso di dermatite atopica e/o allergie da contatto dobbiamo aspettarci con una certa probabilità effetti indesiderati? 2. Se, dovendo acquistare un farmaco ad uso topico, tra quelli venduti in farmacia, sia meglio scegliere i gel o le spume, a base di sostanze naturali o sintetiche. 3. Quali accorgimenti si potrebbero adottare allo scopo di prevenirli.

Ho rivolto questi interrogativi alla dottoressa Cristiana Colonna (dermatologa pediatra presso il Dipartimento di Dermatologia Pediatrica della Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano, diretto dal Prof. Carlo Gelmetti) ed ecco la risposta.

A titolo informativo i pidocchi non volano e si nutrono di sangue (ematofagi), pertanto non sopravvivono lontani dall’ospite per più di 24/48 ore. I bambini sono i più esposti all’infestazione poiché tendono a stare molto vicini “testa a testa” tra di loro, favorendo così il passaggio da un capo all’altro. Depongono uova (lendini) che per maturare necessitano di stare bene adese alla radice dei capelli, ma dopo una settimana si schiudono liberando i piccoli insetti: quindi, se le lendini sono alla base del capello in genere sono “abitate”, se invece le troviamo a più di un centimetro significa che sono disabitate.

In merito ai prodotti ad uso locale, solitamente disponibili in farmacia, quelli sottoforma di gel, lozione e schiuma impiastricciano meno i capelli, favorendo un maggiore assorbimento del principio attivo; contengono sostanze sia insetticida sia ovicida, come ad esempio le permetrine, piretrine etc.  capaci di uccidere appunto pidocchi e lendini.

Attenzione. Le istruzioni indicano solitamente tempi di applicazione variabili tra 10-20 minuti fino ad alcune ore a seconda del grado d’infestazione, ma è preferibile attenersi ai tempi minimi, prolungando invece la manovra FONDAMENTALE per la rimozione che consiste nel pettinare dalla radice alle punte i capelli utilizzando un pettine a denti fini (pettinino) spesso venduto insieme al prodotto anti-pidocchi. Questa manovra di rimozione meccanica è importante perché se qualche pidocchio o lendine è sfuggito all’azione del prodotto, il pettine lo distacca dal cuoio capelluto impedendone il nutrimento e quindi la sopravvivenza!

Esiste però un’altra categoria di prodotti che agisce “soffocando” sia i pidocchi sia le lendini, in assenza di un vero e proprio farmaco al suo interno (per esempio il dimeticone), a base di sostanze “grasse” che appunto impediscono di respirare. Anche in questo caso, direi soprattutto, è importante pettinare dalla radice e… rimuovere.

La Scuola inglese, invece, propone di utilizzare soltanto un semplice balsamo e di pettinare per alcuni minuti in modo da favorire il distacco soprattutto delle lendini. Quest’ultimo trattamento, molto tranquillo sul piano della tollerabilità, potrà essere eseguito anche come una sorta di “prevenzione”, sebbene una vera prevenzione non esista, come non esistono trattamenti preventivi in grado di impedire l’infestazione. In ogni caso sarà bene ripetere il trattamento dopo una settimana, per eliminare eventuali pidocchi resistenti o giovani pidocchi usciti da lendini resistenti (ricordo che si schiudono dopo 7 gg).

I bambini atopici possono utilizzare i prodotti in commercio, tenendo presente che le controindicazioni all’uso dei prodotti contenenti il farmaco sono:

presenza di lesioni crostose o dermatite al cuoio capelluto;

utilizzo protratto dei prodotti per numerose infestazioni (la cute potrebbe sensibilizzarsi al prodotto o irritarsi dopo ripetuti trattamenti); in questi casi è meglio scegliere i prodotti che agiscono per soffocamento privi di piretrine e simili.

 

Queste sono ovviamente informazioni generali che non si riferiscono a un caso specifico e quindi NON SOSTITUISCONO il parere del vostro medico di riferimento che prescriverà la terapia più adeguata in quel momento.

C’è chi preferisce non sapere e rimettere ogni decisione al medico. Altri preferiscono affidarsi a internet, ad amici e scegliere la via della automedicazione. Altri ancora, tra cui la sottoscritta, preferiscono informarsi, consultare un esperto (o più a seconda della gravità della patologia, ovviamente), elaborare, e decidere di conseguenza, perché se il “fai da te” può risultare pericoloso per un adulto, lo può essere ancor di più nel caso di bambini atopici.

Annunci

5 commenti

Archiviato in Farmaci e integratori

5 risposte a “Bambini atopici e pidocchi. II puntata.

  1. Quoto in pieno quanto è stato scritto in modo chiaro e completo! 😉

  2. Tilly

    quindi praticamente anche se si utilizza un prodotto “chimico” il pettine risulta indispensabile…

  3. Poereercubgof

    Condivido totalmente per mezzo di le idee espresse ancora. Continuate similmente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...