Dermatite atopica e collant bimbo 98% cotone 2% elastan… Trovate!

Come avevo premesso in un post precedente, i bambini atopici e che in particolare soffrono di dermatite atopica sono assaliti da un prurito fortissimo, quando indossano collant, la cuicomposizione è mista: una percentuale in cotone ed una in un tessuto sintetico (ossia derivato dal petrolio nella maggior parte dei casi). Finché abbiamo vissuto in Germania,  non ho avuto alcuna difficoltà a trovare collant 98% cotone e 2% elastane. Col nostro rientro in Italia, sono cominciati i guai. Ma forse sono finiti!

QUESTO NON E’ UN MESSAGGIO PUBBLICITARIO

bensì la risposta ad una mia esigenza, prima di tutto, e la risposta anche a tutte le vostre mail e non solo, per risolvere il problema, senza alimentare il turismo delle calze, Germania-Italia!

Proprio questa mattina ho provato a fare una ricerca in internet per trovare la corrispondente italiana della Ergee e l’ho trovata!

L’azienda si chiama Ergora (ex Ergee Italia S.r.l.); chiamando lo Tel: 0584768822 potrà indicarvi il negozio più vicino a voi, nella vostra città! Per alcuni questo post non vuol dire nulla, ma provate a chiederlo a un genitore di un bimbo con dermatite atopica…

Per non affollare il centralino della Ergora, Vi comunico di seguito i nominativi degli esercizi commerciali in Italia che rivendono quell’articolo.

ATTENZIONE! La presente informazione è TOTALMENTE DISINTERESSATA, nel senso che la sottoscritta non ha alcun rapporto, commerciale o di altro tipo, con Ergora o con i negozi che verranno qui presentati di volta in volta e non si assume pertanto alcuna responsabilità per ogni eventuale disguido o altro accadimento.

Milano: CIDALIA, via Ressi, 19 milano, telefono: 02 67074345, email: cidalia.intimo@fastwebnet.it

Sarò ben lieta di rendere noto altri nominativi di altri negozi, in tutta Italia. Condizione essenziale per apparire nell’elenco è fare richiesta scritta a mimangiolallergia@gmail.com, e corredando la richiesta di referenze, questo perché non posso andare di persona a Palermo, per verificare che il richiedente afferma il vero e non sta semplicemente approfittando di questo spazio, nonché di una condizione di malattia altrui, per farsi pubblicità. Certa della Vostra collaborazione, attendo le Vostre email.

Annunci

23 commenti

Archiviato in DERMATITE ATOPICA, Fattori scatenanti

23 risposte a “Dermatite atopica e collant bimbo 98% cotone 2% elastan… Trovate!

  1. chiara

    sei magica!!!

  2. ely

    ciao sono la mamma di 2 bambini nati con la dermatite atopica i primi 2 anni sono stati difficili al primo figlio la dermatite era in tutte le pieghe della pelle ma sopratutto nelle pieghe delle mani scopro subito grazie ad una tutina con dei bottoni metallici ce e allergico al nichel il secondo figlio e massacrato dalla dermatite sopratutto in testa una vera piaga,tutto questo si attenua col crescere ma rimane l’allergia la curiamo con singular e altri antistaminici poi al secondo figlio compaiono delle verruche vicino agli occhi spaventata ricorro ad un dermatologo che dopo un vai e vieni di visite costose non combina niente e mi dice di cercare una lumaca senza guscio e con la sua bava passare sopra le verruche io sconvolta mi chiedo ma e possibile che una lumaca possa fare la differenza ?io immagino che il problema arrivi dall’ interno e mi affido ad degli amici e mi consigliano un immunologo che con esami del sangue scopre le difese immunitarie basse e mi dice che il bambino vive come in riserva e mi dice che la maggiorparte dei problemi tipo erpes dermatite candida ecc riguarda le scarse difese immunitarie io il bimbo lo sto’ curando con i probiotici e l’ allergologo e il dermatologo abbandonati .

    • Ciao Ely! Benvenuta anche nel blog. Che dire, hai, abbiamo, scoperto l’acqua calda, ma purtroppo non ci sono sufficienti studi clinici a supporto della tesi per cui i fermenti lattici possano effettivamente essere contemplati nella trattamento della dermatite atopica. Ci sono però studi che sembrano evidenziare un loro ruolo positivo, quando ci siano anche allergie alimentari. Ma i medici sull’argomento sono molto discordi. Pubblicherò un post sull’argomento. Una cosa è certa, Alice ne ha tratto giovamento, quindi di tanto in tanto ripete cicli, anche perché non vuole più saperne di mangiare lo yofu (yogurt di soia) che solitamente ne è arricchito, quindi di tanto in tanto… fermenti lattici non derivati dal latte ovviamente:-) perché Alice è allergica alle proteine del latte e non solo. A presto

  3. Angela

    Grazie per le tue ricerche utili a tutte noi! sarebbe davvero importante anche per me e Lorenzo – che ha 8 mesi e da 3 soffre di dermatite atopica che si accende con le tinte forti – sapere chi ad Ancona o nelle vicinze vende calze 98% cotone… complimenti per il blog!

    • Grazie a te Angela! Se telefoni a quel numero dovrebbero darti qualche indirizzo nelle vicinanze, spero! Altrimenti fammi sapere, potrei avere ancora quelle di Alice… Comunque sappi che in Germania le pago 14 euro il paio! Ma ne vale la pena!

  4. Barbara

    Ciap.. scommetto che in Sardgena è proprio impossibile trovarle vero? Sono alla ricerca disperata di calze mutande (mutandoni) maglie intime e pigiami per notte e per casa Bianchi in cotone 100% .. un body k’ho trovato.. costa 60 euro.. possono essere approfittatori???

  5. donatella

    Sapete darmi qualche indirizzo a cui rivolgermi per procurarmi calze da donna e abbigliamento in genere, da donna, in cotone senza elastan?
    La ricerca è alquanto ardua. E se cercassi un costume da bagno solo di cotone? Impresa impossibile?

    • Ciao Donatella e ben trovata e grazie per la fiducia, ma non so se potrò esserti molto di aiuto, ma forse i lettori sì. In ogni caso ti dirò quello che so:
      Collant senza elasten… temo di no, con il 2% in cotone coprente sì, calze e calzini forse, collant in seta forse, ma dovrei verificare.
      Abbigliamento… in questo caso hai una vasta gamma di articoli, dipende cosa cerchi. E’ ovvio che se vuoi un pantalone o una maglietta elasticizzati… la risposta è no.
      Costume da bagno in cotone sì, conosco anche un negozio che li realizza su misura.

  6. paula

    Ho una bimba con dermatite atopica…o trovato il vostro blog ma ho trovato anche questo…guardate se può esservi d’aiuto!
    http://www.tabatashop.com/intimo-e-pigiameria.html?dir=asc&order=price&price=2%2C10

    • Buongiorno Paula, e ben trovata!
      Grazie del link, perché ogni segnalazione può essere preziosa, quindi ho dato uno sguardo veloce al sito che hai indicato, e che non conosocevo, ma senza vedere i prodotti e poter leggere le etichette e averli provati non mi esprimo, in quanto con A. a contatto della pelle ho sempre preferito mettere in pratica i consigli del dermatologo pediatra, ossia solo cotone bianco o tinte pastello molto chiare. In caso di colorazioni “naturali” ossia derivati da piante eccetera, occorre essere prudenti, in quanto gli atopici “sono bizzarri” e potrebbero reagire al verde “spinacio” o al rosso “barbabietola”… In caso di dermatite atopica esistono capi d’abbigliamento specifici in seta trattati ma anche molto cari, purtroppo. Però, ripeto, non conosco il prodotto nello specifico, quindi non mi esprimo più di tanto, scusami;)

  7. Daniela

    Buon giorno, mi chiamo Daniela ,sono mamma di una bambina affetta da dermatite atopica grave,ed é allergica anche agli acari della polvere, eliminati tutti i peluche, abbiamo acquistato un materasso in lattice e isolato con coprimaterasso e federe quindi cotone ovunque finche mi é possibile…e come potete immaginare un bel disastro, non so piu che cure usare, attualmente faccio lavaggi con acqua e amuchina, antistaminico tutte le sere,dopo applico protopic che é un concentrato di paraffina,e la cosa non mi piace per niente!…ho provato dermaflan,menaderm,bactroban,tutte con scarso esito,ho provato anche un preparato di paraffina e cortisone usato per un breve periodo,la bambina é stata subito meglio,ma poi….non può usare ovviamente lana maglie colorate,ma solo cotone e qui dove abito ( taranto ) si trova poco a prezzi esorbitanti,la bambina é in cura da un dermatologo ma a quanto pare non stiamo risolvendo niente, quindi chiedo a voi cosa posso fare in Piu a quello che gia faccio per alleviare la bambina dal prurito e dalle tante chiazze crostose sparse in tutto il corpo?

    • Cara Daniela…scusami! Avevo visto su cellulare questo commento e poi non l’ho più visto a computer… quindi sono solo ora a risponderti, anche se non è facile risponderti in poche righe…
      Ho avuto la figlia malata e poco tempo, mi sono copiata il tuo commento e torno a risponderti settimana prossima, ok? Perché ci sono alcuni punti che vorrei vedere con te e che non mi sono chiari.
      A prestissimo… Però prima dimmi se:

      – tua figlia è in cura da un dermatologo pediatra esperto di DA
      – tua figlia è in cura anche da un allergologo pediatra
      – l’allergologo pediatra ti ha dato un un vademecum per la “bonifica” della casa eccetera
      – da quanto tempo segue la terapia
      – se avete fatto “scuola di atopia”
      perché mi sembra molto, ma molto strano che tua figlia non abbia ancora trovato giovamento dalle cure che però non non mi sono chiarissime ma ci torniamo.

      Inutile dire che noi abbiamo avuto altre indicazioni, perché 10 medici in una stanza curerebbero in 10 modi diversi la DA. Quindi dobbiamo stabilire da dove partire, tenendo presente che questo scambio NON potrà sostiuire il parere del medico ovviamnente, ma comprendo appieno il tuo stato d’animo.

      p.s. quanti anni ha tua figlia? e… io non ho mai eliminato i peluche, ma li lavavo ogni tre mesi in lavatrice 🙂

  8. Pingback: Bambini e adolescenti atopici e abbigliamento: quando non è solo una questione di glamour… | mimangiolallergia

  9. Vittorio

    A quel numero mi ha risposto la ditta treelle…A Roma comunque sapete di un negozio con questi prodotti?

  10. Aly

    Buongiorno, ho sofferto di una lieve dermatite atopica che ogni tanto si ripresenta sotto diverse forme e posizioni del corpo stavo cercando siti che consigliassero calze di cotone bio e ho trovato questo interessante blog. Non so se possa interessarvi / possa essere utile, ma ho trovato questi siti per prodotti di cotone, magari oggi si possono anche solo acquistare online e farseli spedire in tutt’Italia (?):
    http://www.vestirebio.it/prodotti-biologici-ed-ecologici/calze-biologiche.html
    http://www.bimboenatura.it/abbigliamento/bambino/calze-e-calzamaglie.html
    http://www.calzebiologiche.it/bambino/
    http://www.altramoda.net/it/cat/calze-biologiche-bambino
    http://www.calzebio.it/
    Per i pigiami io mi sono sempre trovata bene col cotone della calida, marchio svizzero, un po’ cari ma meglio 2 pigiami buoni che 6 scarsi, no (http://www.calida.com/) ?
    Spero di aver dato qualche spunto utile, buona giornata

    • Buongiorno Aly e Benvenuta! Ma soprattutto grazie davvero per esserti ritagliata uno spazio di tempo per condividere con noi tutti quei link.
      Permettimi solo una considerazione per chi legge, ossia di prestare attenzione alla composizione, perché talvolta viene evidenziato “in cotone”, “biologico”, “naturale”, e non sempre questo è un vantaggio per il consumatore allergico.
      Prendiamo per esempio il link: http://www.vestirebio.it/prodotti-biologici-ed-ecologici/calze-biologiche.html. A parte le calze in cotone bianco naturale, quelle colorate… non sono a prova di allergico, perché se utilizzano coloranti “naturali” sarebbe bene che specificassero quali, in quanto, come forse anche tu ben sai, un allergico può reagire a qualsiasi sostanza, perché ognuno è allergico a modo suo :-D, quindi… prima di procedere con un acquisto, scrivere sempre all’azienda e informarsi bene sulla composizione, per non incorrere in brutte sorprese.
      In ogni caso sono molto interessanti. Tu ne hai collaudato di persona qualcuno?

      • alyarch

        Buongiorno Monica, grazie del benvenuto e per questo spazio di confronto!
        Hai perfettamente ragione, dove non è “meglio specificato”, è bene sempre informarsi dettagliatamente. Purtroppo no, io non ho ancora fatto acquisti in questi siti, stavo giustappunto cercando, essendo rientrata in Italia da poco, qualche “fornitore” di fiducia 😉 Vi terrò aggiornate dopo eventuali collaudi.
        Un caro saluto,
        Aly

      • Ok, allora dò un’occhiata anch’io, perché per il momento continuo a comprare in Germania… ogni volta che ne ho l’occasione, ma non so per quanto tempo ancora la figlia accetterà di indossare calze coprenti… sperem…
        Ci riaggiorniamo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...