SECONDI: Voglia di cotolette!

SENZA PROTEINE DEL LATTE VACCINO, DELL’UOVO, SENZA GLUTINE, SENZA SOIA, CON NICHEL

Nostra figlia adora le “cotolettine”, sia che debba mangiarle, sia che debba prepararle. Solo l’idea la rende euforica. Innanzitutto, viene investita del prestigioso ruolo di “assistente cuoca” di suo padre… sì perché le cotolette sono una specialità del mio adorato maritino: cotolettine di carne, senza uovo e senza glutine. Ebbene sì, e sono le migliori che io abbia mai mangiato! La cotoletta alla milanese prevederebbe carne bovina, farina, pan grattato e uovo, c’è chi aggiunge anche il latte… Noi di una cotoletta ne facciamo tante… senza alcun ingrediente di quelli citati! Il milanese doc propabilmente storcerà il naso di fronte alla nostra rivisitazione, ma chi assaggia le nostre cotolette finisce per preferirle a quelle tradizionali, anche perché sono più leggere e digeribili, meno grasse e con meno colesterolo, e terribbilmente croccanti. Tutto merito dell’impanatura, a base di mais tostato e sale.

Così qualche giorno fa ci siamo lasciati travolgere dalla voglia di cotolette, piatto tipico della famiglia di mio marito”.

“Io impano, papà cuoce!” Questo è quello che Alice dice quando qualcuno le chiede come come si preparano. Il menù? Semplice, perché siamo ancora al mare, perché faceva ancora abbastanza caldo (non come nel momento in cui sto scrivendo… la temperatura è di nuovo prepcipitata!) e perché si torna non prestissimo dalla spiaggia, quindi il tempo a disposizione non è molto.

 MENÙ

Cotolette di carne a modo mio ♦  Patate col rosmarino ♦ Insalata di pomodori ♦ Anguria fresca o gelato di riso

 ATTREZZI

un piatto per impanare, due pentole antiaderenti (fondamentali per la buona riuscita di cotolette e patate), una paletta di teflon, pesta carne, insalatiera

 INGREDIENTI

COTOLETTE

170 gr di carne circa per ciascun adulto e 50-100 gr per ciascun bambino (a seconda dell’età). Noi abbiamo usato la lonza di maiale, perché manzo e vitello non sono consentiti ad Alice), impanatura q.b., olio extra vergine di oliva o altro olio vegetale tollerato, 1 spicchio di limone a persona

CONTORNO

Due patate medie a testa (non c’è primo piatto), foglie di rosmarino fresco, sale marino integrale grosso, tre pomodori maturi bio, scorzetta di limone (bio)

 PREPARAZIONE

COTOLETTE

  1. Lavare la carne sotto l’acqua corrente fredda. Asciugarla.
  2. Tagliare la carne a fettine sottili e tagliarle per ottenere delle “cotolettine”.
  3. “Battere” fetta per fetta.

  4. Disporre il mais sul piatto e impanare su ambo i lati ciascuna cotoletta (la foto risale a quest’inverno…).
  5. Versare dell’olio nella pentola e quando è ben caldo disporvi le cotolettine. Lasciarle cuocere bene da un lato e poi girarle.
  6. Quando saranno dorate toglierle dal fuoco e disporle disporle su un piatto con della carta da forno o scottex.
  7. Continuare fino ad esaurimento della carne.
  8. Condire con qualche goccia di limone.

CONTORNO

  1. Patate al rosmarino.
  2. Se non sono patate novelle, privarle della buccia e tagliarle a dadini.
  3. Sminuzzare il rosmarino.
  4. Versare un po’ d’olio nel tegame, il rosmarino.
  5. Quando l’olio sarà ben caldo aggiungere le patate e il sale grosso.
  6. Rosolare le patate, senza coprire, rigirando continuamente.

Insalata.

  1. Lavare e tagliare i pomdori a piacimento e metterli nell’insalatiera.
  2. Tagliare minuscoli pezzettini di scorza di limone.
  3. Tagliare le olive.
  4. Condire i pomodori con olio, olive e scorzetta…
Annunci

9 commenti

Archiviato in MENÙ A BASE DI CARNE, Ricette regionali "a modo mio"

9 risposte a “SECONDI: Voglia di cotolette!

  1. Ed io no? Le adoro… sono in sintonia con la tua cucciola!

    Ed in Sicilia al posto dell’uovo, si usa bagnare la carne in una emulsione di olio e limone e poi si impana.
    A questo punto si può anche scegliere di non friggerla, ma di arrostirla su una griglia rovente: queste sono le cotolette alla palermitana.

    Le devo provare come fate Voi, slurp!

    Un bacione!

    • Ma che bello sapere che non siamo gli unici… e niente male l’idea dell’emulsione… un’amica, invece di cuocerle in padella, le mette in forno e sono squisite, devo provare anche questa:-) A prestooooooooo

  2. quindi le impani ma senza uovo.
    anche se non si è intolleranti all’uovo è comunque una versione più leggera, da provare.

    bravissima (tutte le volte che ti leggo sono ammirata)
    passerò più spesso di qui perché oltre ad essere io celiaca mio marito è probabilmente intollerante a latte e latticini…

    • Ma grazie! Latte e derivati del latte sono ovunque e non sempre nemmeno tanto bene evidenziati… Passa quando vuoi, tra un po in casa cucineremo “autunnale” 🙂

  3. Laura

    Oggi, alla ricerca di info sulla panna vegetale, ho scoperto il tuo blog e mi complimento: quanti consigli utili e salutari!
    Solo un dubbio: la carne di maiale contiene le proteine del latte vaccino ed andrebbe eliminata dalla tavola degli intolleranti/allergici o NO?
    grazie mille

    • Innanzitutto, grazie per i complimenti, è sempre gratificante sapere che le proprie fatiche sono utili anche per altri. Tornando alla tua domanda, temo di non aver capito. Ti riferisci al fatto che il maiale potrebbe essere stato allevato con, per esempio, “il pastone” a cui è stato aggiunto del latte di mucca? E quindi essere allergizzante? Il maiale, come tu sai, appartiene alla famiglia dei suini. Maiale, pollo e manzo sono ritenute carni potenzialmente allergizzanti. Le proteine del latte vaccino sono contenute nel latte di origine bovina e nei suoi derivati. Esiste la possibilità di reazione crociata tra latte vaccino e manzo, ma non è detto che chi è allergico alle proteine del latte bovino sia necessariamente allergico anche alla carne bovina. Non mi risulta invece che possa manifestarsi una reazione crociata tra plv e carne suina. Attenzione: chi è allergico alle plv deve prestare attenzione al latte di altri mammiferi (capra, pecora, bufala…) Se non ho soddisfatto la tua domanda, fammi sapere.

  4. Ciao, ho una bimba allergica a proteine del latte e uovo. Il tuo sito mi ha illuminato! Ruberò spunti, trafugherò segreti e terrò a mente l’allegria! Grazie

    • Grazie! Ma anche tu non scherzi, come ho scritto nel commento lasciato nel tuo blog… questa mattina sei riuscita a strapparmi un sorriso, nonostante fosse una di quelle in cui di buoni motivi per ridere non se ne trova nemmeno uno!

  5. Ricevo oggi, in un altro post, e con piacere copio qui il commento di ANNA alle cotolette senza uovo:

    Cara Monica,

    solo per dirti grazie, grazie,grazie….
    Ho trovato nei negozi bio l’impasto di mais tostato e ho provato a fare le cotolette.Risultato eccellente!!!
    Sono paiciute a tutti i componenti della mia famiglia( me compresa)
    Non avrei mai pensato di poter fare delle cotolette senza uovo!!!!
    saranno pure delle semplici cotolette…ma per mia figlia cha ha 4 anni e mezzo e non le aveva mai mangiate, sono una grndissima conquista!!!!

    Grazie
    Anna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...